venerdì 24 novembre 2017

Un match tra imprese piccole e grandi

Oltre trecento imprese di tutta la regione 


L’imprenditoria emiliano-romagnola, e non solo, si e’ data appuntamento per fare network e business, in un matching il cui obiettivo e’ creare nuove opportunita’.



Le trecento aziende – del settore della produzione manifatturiera e dei servizi - provengono da tutte le province della nostra regione. Presenti ben ventotto aziende player, aziende importanti alla ricerca di nuovi fornitori che possono dare consigli utili alle PMI su come crescere nel panorama nazionale e internazionale.

Ravenna e’ presente con oltre sessanta imprese. Ma quali sono le caratteristiche, le propensioni, le necessita’ delle piccole imprese ravennati in tema di innovazione, network e business? Lo abbiamo chiesto a un campione di circa 100 imprese manifatturiere della nostra provincia, aziende con meno di 50 dipendenti e un fatturato che non supera i 5 milioni di euro. 

Un dato significativo e’ la consapevolezza da parte di queste imprese di dover percorrere ancora di piu’ la strada dell’innovazione: il 57% si sente abbastanza innovativo, il 38% ancora troppo poco, mentre solo il 5% si considera molto innovativo. L’aspetto piu’ innovativo della propria azienda? Per il 59% e‘ il servizio al cliente, per il 47% il prodotto che viene realizzato, per il 30% l’organizzazione produttiva della propria azienda. Emerge come, nella maggior parte dei casi, nel 72% delle risposte, solo i titolari si dedichino alla ricerca, all’innovazione e allo sviluppo dei prodotti. 

Andando su un tema specifico, il Piano del Governo Industria 4.0, sono ancora poche o pochissime le Pmi che ne sfruttano le potenzialita’. Il superammortamento e’ stato il punto del Piano piu’ utilizzato, nel 35% dei casi. L’interesse pero’ verso il Piano Industria c’e’, e nell’11% dei casi gli 8mprenditori hanno sicuramente intenzione di utilizzare i finanziamenti nel breve periodo e nel 28% li utilizzeranno molto probabilmente.

“Siamo molto soddisfatti di questa quarta edizione di CNA Network Business Day – afferma Massimo Mazzavillani – direttore della CNA di Ravenna – perche’ ogni anno aumenta la partecipazione delle imprese e delle aziende player. Proprio per questo occorre dare ulteriore slancio all’iniziativa, intercettare nuovi servizi e opportunita’ per innovare i processi e i prodotti delle imprese consentendo loro di stare al passo con l’evoluzione dei mercati”.
 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento