giovedì 9 novembre 2017

Un paese che suona

Fusignano


Continua al Teatro Moderno di Fusignano, in corso Emaldi 32, la rassegna “Un paese che suona”. 


Domani vnerdì 10 novembre alle 21 ci sarà il concerto per due soprani, soubrette e pianoforte intitolato “Prima donna” e dedicato a Maria Callas e Wanda Osiris.

Si tratta di una serata in cui verranno proposte splendide arie del grande repertorio operistico di Giuseppe Verdi e Vincenzo Bellini alternate a deliziose canzoni retrò che il pubblico dell’epoca fischiettava uscendo dal teatro. 

Attraverso la musica sarà ripercorsa la vita di due artiste molto diverse capaci di riempire i teatri di Milano negli anni ’40 e ’50, epoca d’oro per entrambe considerate le due vere dive di quel periodo. Ad esibirsi saranno i soprani Barbara Grazzini e Viktoria Kholod, la pianista Angiolina Sensale e la soubrette e presentatrice Silvia Felisetti.

Terzo e ultimo appuntamento della rassegna venerdì 24 novembre alle 21, con il concerto per quartetto vocale e strumenti dei Vociferando Band, intitolato “Dal Quartetto Cetra ai Manhattan Transfer”. 

Il titolo lascia pochi dubbi su quello che sarà il repertorio, si tratta infatti di una serata in cui verranno proposti brani del grande repertorio swing italiano e straniero dagli anni Trenta fino ai giorni nostri. A esibirsi saranno Elisa Sedioli, Chiara Bartoletti, Pierpaolo Sedioli e Gabriele Landi come voci e Marco Pregher e Marco Rossi rispettivamente alla chitarra e al contrabbasso.

La rassegna, organizzata in collaborazione con Ensemble Mariani, ha il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Fusignano ed è resa possibile grazie al sostegno della parrocchia San Giovanni Battista e di diversi sponsor privati che da sempre sostengono le attività del Teatro Moderno.

Il costo del biglietto è di 10 euro intero e 8 euro ridotto; la biglietteria apre alle 20 del giorno stesso e per la prevendita si può scrivere a info@cinemateatrofusignano.it o chiamare lo 0545 954194.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito www.teatromoderno.it.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento