lunedì 18 dicembre 2017

Fresco in libreria "Baracca e il Barone"

Strenna natalizia ai romandioli
A cura di Arrigo Antonellini



Di Alberto Guarnieri,Paolo Nurcis,Luca Vergerio Editore: Segni d'Autore


"Francesco Baracca, l'Asso indiscusso dell'aviazione italiana, e Manfred Von Richthofen, il Barone Rosso, non si sono mai incontrati. 

Eppure raramente due esistenze possono essere definite parallele come le loro.

Il percorso di vita e la tragica morte li accomunano in modo quasi sovrannaturale. 

Baracca e il Barone sono i recordman dei rispettivi paesi per il numero di aerei nemici abbattuti. 

Anche l'appartenenza alla Cavalleria li accomuna. 

E il cavallo, anzi il Cavallino per Baracca, resta tanto legato all'Asso italiano da farlo trasferire, su decisione della Famiglia, alle automobili di Enzo Ferrari, dove ancor oggi è sinonimo di eccellenza italiana. 

Solo quattro mesi, in quel 1918 in cui anche la guerra va a morire, separano la fine dei due piloti. Quattro anni la differenza delle date di nascita. E ci sono altri parallelismi a segnare due esistenze tanto eccezionali quanto simili".

A cura di Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento