venerdì 15 dicembre 2017

Gustav Klimt

Rivoluzione nel mondo delle mostre: le multimediali



Noi del circolo la Ginestra di Crespino del Lamone siamo impegnati, quando la stagione fredda non consente di fare trekking per tutta la giornata, ad organizzare pomeriggi culturali. Stiamo preparando una mostra di Michelangelo......(?)   

Ci serve un bravo informatico ed un esperto di musiche, faremo una mostra multimediale, con un Pc e qualche parete vuota. Porteremo a Crespino anche la Gioconda direttamente da Parigi, dal Louvre a Firenze e da Firenze, sul Treno di Dante, direttamente alla Ginestra. 

Hanno fatto così a Bologna con i capolavori di Van Gogh, hanno fatto così a Milano con le opere del viennese Gustava Klimt: ci sono stato

Sorpreso, contento, perplesso.

Incontestabile, perchè suffragato dall'oggettività della matematica, dei numeri, il successo, con i tantissimi visitatori, possiamo immaginare anche il business considerati i 15 euro per l'ingresso di cotante persone.

"Immensa", rispetto alle "vecchie" mostre, la minore spesa per non dover spostare i capolavori, a partire dai costi di assicurazione....

Indubbiamente affascinante l'atmosfera, con la goduria degli occhi e delle orecchie, nel più assoluto silenzio, in un rapporto diretto con gli artisti, lui, le sue magie, ed io nel buio della stanza.

Tutte cose diverse, possiamo dire cose in più rispetto all'essere al Louvre? Diverse, nuove, sicuramente!

Facile prevedere che siamo all'inizio, al debutto, di una grande novità, una vera e proprio rivoluzione, nel caso, settoriale, la cultura, le mostre, ma forse della stessa portata che fu  Internet, nel mondo dell'informazione "portata" a tutti, non solo portata, ma anche creata da tutti in Rete.

Cosa significa portare le grandi opere della pittura a "tutti", vicino alla casa di tutti, nelle sagre di paese, nei circoli? 

Calerà il numero delle presenze nei musei?

Certo le foto, le cartoline esistono da tanto, ma chi compra una cartolina della Gioconda? Quanti nella loro vita magari ancora non l'hanno mai vista e comunque il fascino, il richiamo di una mostra multimediale ha ben altro richiamo, ben altra  attrattività.

Sono e rimango anche critico, com'è normale per una persona anziana, davanti alle novità.

L'emozione è la stessa di quella che si prova davanti alla Gioconda reale e non virtuale?  

Io le due cose le ho provate entrambe, per ora mi limito a dire ancora che sono due emozioni diverse...




Arrigo Antonellini
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento