sabato 16 dicembre 2017

Il cardinale Bassetti a Crespino del Lamone

Ua inaugurato "Il Cammino della Memoraia"
Il taglio del nastro col sindaco Triberti, alunni e abitanti di Crespino. Una cerimonia molto speciale quella che si è svolta a Crespino del Lamone.




Si è inaugurato infatti il “Cammino della Memoria”, nell’ambito dell’intervento di riqualificazione del centro storico, e lo si è inaugurato con un’illustre presenza: il presidente della Cei (Conferenza Episcopale Italiana), cardinale Gualtiero Bassetti, che è originario di Marradi, precisamente di Popolano. 

Tra i presenti, oltre al sindaco Tommaso Triberti, l’on. David Ermini, la consigliera regionale Fiammetta Capirossi, il presidente dell’Unione dei Comuni del Mugello Paolo Omoboni.

L’intervento – importo di oltre 105.000 euro, finanziato col Bando Periferie – ha riguardato il recupero e la riqualificazione del centro storico, piazza della Chiesa vallombrosana e vie circostanti, con il percorso commemorativo “Il Cammino della Memoria” per ricordare le 44 vittime dell’eccidio del 1944. 

Totem e pannelli informativi raccontano la drammatica pagina di storia che segnò per sempre la comunità crespinese. 

Quarantaquattro furono le vittime di quella tragedia, civili inermi, tra cui il parroco don Trioschi, fucilati sul greto del fiume Lamone. 

Da allora i loro resti riposano nel sacrario-ossario eretto vicino al greto. Dalla chiesa, dove su un fianco saranno riportati i nomi, il “Cammino della Memoria” lo raggiungerà, appena terminati gli ultimi lavori, in un percorso di ricordo ma anche di preghiera.

“E’ una gioia immensa per tutta la comunità marradese e siamo grati al cardinale Gualtiero Bassetti per questo intero giorno che, nonostante i suoi importanti impegni, ha voluto riservare alla sua terra, per riabbracciare i suoi concittadini – ha sottolineato commosso il sindaco Tommaso Triberti -. E’ una gioia immensa per tutti ma in modo particolare per la comunità di Crespino, per l’affettuosa presenza di Sua Eminenza all’inaugurazione del ‘Cammino della Memoria’, un percorso commemorativo che abbiamo voluto tutti per conservare e tenere vivo il ricordo dell’eccidio, dei 44 abitanti che furono trucidati dai nazisti”.

“La storia o è una cattiva maestra o ha pessimi alunni”, ha ammonito il cardinale Bassetti nella cerimonia di inaugurazione del “Cammino della Memoria”: “Impariamo la lezione della storia. Ricordiamo per cambiare, cambiare la storia. Ricordiamo perché certi orrori non succedano più. Bisogna farsi portatori di pace”. E rivolto in particolare agli alunni dell’istituto comprensivo, ha aggiunto: “I bambini sono i destinatari di questa iniziativa perché sono la nostra speranza, il nostro futuro”.

La giornata marradese del presidente della Cei Bassetti è iniziata alle 10 in Comune con il saluto al sindaco Tommaso Triberti e al Consiglio comunale (tra i consiglieri, il cugino Paolo Bassetti), a cui è seguita, alle, 11 l’inaugurazione a Crespino. In consiglio il cardinale Bassetti ha portato la benedizione di Papa Francesco e ha raccontato alcuni aneddoti della sua infanzia e giovinezza, tra la sua vita a Marradi e in seminario a Roma, come il tema che scrisse commentando la poesia “Notte tirrena” del poeta marradese Dino Campana. L’incontro è poi terminato con due omaggi, un quadro dell’artista naif marradese Francesco Galeotti e una copia anastatica dei Canti Orfici di Dino Campana, consegnati dal sindaco insieme alla moglie del pittore e la presidente del Centro studi campaniani Mirna Gentilini.

Nella giornata marradese del cardinale Bassetti anche l’incontro con i marradesi al Teatro degli Animosi ed infine la messa presso la Chiesa parrocchiale.




Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento