sabato 23 dicembre 2017

La cultura settore strategico per la crescita in Emilia-Romagna

Ulteriori 4 milioni stanziati nel bilancio 2018

“Il bilancio appena approvato dall’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna conferma il ruolo centrale della cultura, quale asse strategico su cui puntare convintamente, con un aumento di fondi per il terzo anno consecutivo, pari a 4 milioni di euro, per un totale di 15 milioni”.


A dirlo è la consigliera regionale e vicepresidente della Commissione Cultura Valentina Ravaioli, dopo l’approvazione in Assemblea legislativa della Legge di Bilancio di previsione della Regione Emilia Romagna 2018/2020, che aggiunge: “Si tratta di risorse che permetteranno di proseguire e rafforzare le azioni di sostegno allo spettacolo dal vivo, alla rete delle biblioteche, degli archivi e dei musei, ai progetti sulla memoria del Novecento e alla legge dedicata al cinema e all’audiovisivo, che già durante la prima fase di attuazione ha mostrato come ad un euro investito corrispondano 4 euro di ricaduta sul territorio”.

“Da sottolineare, inoltre, i 5 milioni dedicati al restauro e al recupero di sedi di spettacolo e teatri, il milione destinato ad investimenti per immobili di particolare valore storico e culturale, al fine di una stabile valorizzazione del patrimonio, i 770 mila euro per progetti speciali e a celebrazioni, da Dante Alighieri a Gioacchino Rossini, da Leonardo Da Vinci, a Federico Fellini e, infine, il milione che sarà finalizzato all’attesa legge sulla musica, di imminente approvazione, per supportare la produzione, ma anche i percorsi di educazione ed alfabetizzazione musicale, in rete con gli istituti scolastici – prosegue Ravaioli - Siamo di fronte ad investimenti significativi che vanno nella direzione di concretizzare, coerentemente e nei fatti, il proposito di triplicare, entro il termine della legislatura, i finanziamenti alla cultura, un fronte su cui già oggi l’Emilia Romagna è quinta nella graduatoria nazionale per incidenza di occupazione e settima in quella per quota di valore aggiunto dovuto al sistema produttivo culturale e creativo sull’economia locale; occorre procedere in questa direzione, in una logica di integrazione e collaborazione tra assessorati, in nome della crescita e dello sviluppo del nostro territorio”.

Ufficio stampa Gruppo Partito Democratico
Assemblea Legislativa Emilia-Romagna

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento