martedì 5 dicembre 2017

La poesia del martedì

DELICATAMEINT

Delicatameint, silanziosa nev,
la cascheva sò la campagna indurmintèda,
sò in ti discrit trèll ad pètross e ad cuclèin dla nev,
afamee viandaint sò in tal sòi zènerosi.
Delicatameint, la màn la sfiora ste spèc
insò che zelid dè i' ha infierì,
pasènd velùz, coma sabia ad mer,
strà dida tabachi.
Avrèbb adès, cla nev, sò in tla mi màn,
sò che vedar ad fnèstra cla m'arflett.
A vèd incora, incù, sò a che candid mantèl,
pècculi orum ad fèlizitè,
e su arcord, a l'ho cun me, sò ad me,
sò a sta campagna clà vò cuntinuè a vivar,
par sèmpar, semplizemeint, delicatameint.


Ivan Rastelli
Menzione d'onore al concorso San Martino d'oro, memorial Edoardo Spada, edizione 2017, Conselice


Delicatamente

Delicatamente, silenziosa neve,
scendeva sulla campagna addormentata,
sui discreti trilli di pettirossi e scriccioli,
affamati viandanti, nelle soglie generose.
Delicatamente, la mano, sfiora lo specchio
su cui gelidi giorni hanno infierito,
passando veloci come sabbia di mare,
tra dita bambine.
Vorrei ora, quella neve, sulla mia mano,
su quel vetro di finestra che mi riflette.
Vedo ancora oggi, sul candido mantello,
piccole orme di felicità,
il loro ricordo ce l'ho con me, su di me,
su questa campagna che vuole continuare a vivere,
per sempre, semplicemente, delicatamente

Ivan Rastelli

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento