martedì 12 dicembre 2017

La poesia del martedì

La vēdva alēgra

L’a s lasēva purtê’
da i sôn ch’ jimpinēva l’ëria,
e’ parēva ch’ la ṡghinlès
sôra la pista, tra la żènt.
E’ ṡgvèrd puntê luntȃn,
un surìṡ stampê ins la bóca,
sota luṡ ’d tót i culùr,
la prilēva int un bal lènt.

Un “ciao” agli amìghi de sàbat sēra,
la pörta asrèda ’d drì ’d al spal,
l’a s libarēva di vstì ’d la fësta
pr’infilê’s, sèmpar, in che majôn żal.
La naṡéva ins chi fil ’d lâna
e’ prufôm luntân ’d la pël,
l’asrēva j ócc e la sugnēva
d avê’l avṡén, ’d putê’ tuchê’l.
E da ’lè, ins la su pultrôna,
l’a s sintēva coma abrazê’,
söra al nöt ad cl’ùtum tango
che cun ló l’avēva balê.

Roberto Pontoni
Terzo classificato edizione 2017 concorso di poesia dialettale San Martino d'oro Conselice


La vedova allegra

Si lasciava portare
dai suoni che riempivano l’aria,
sembrava scivolasse
sulla pista, in mezzo alla gente.
Lo sguardo puntato lontano,
un sorriso stampato sulla bocca,
sotto luci multicolori,
volteggiava in un ballo lento.

Un “ciao” alle amiche del sabato sera,
la porta chiusa alle spalle,
si liberava degli abiti della festa
per infilarsi, sempre, in quel maglione giallo.
Annusava in quei fili di lana
il profumo lontano della pelle,
chiudeva gli occhi e sognava
di averlo vicino, di poterlo toccare.
E da lì, sulla sua poltrona,
si sentiva come abbracciare,
sulle note di quell’ultimo tango
che aveva ballato con lui.


Roberto Prontoni

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento