giovedì 14 dicembre 2017

Usciamo dalla bolla autoreferenziale nella quale la politica tradizionale è imprigionata

Riceviamo da Matteo Renzi e pubblichiamo 

Sta finalmente per cominciare la campagna elettorale e potremo discutere di argomenti concreti, importanti per la vita dei cittadini, uscendo dalla bolla autoreferenziale nella quale la politica tradizionale è spesso imprigionata. 

La mente torna alla bellezza degli incontri con la gente fatti durante il viaggio in treno: sulla mia pagina YouTube, cliccando qui, trovate un video di meno di tre minuti che ripercorre alcune delle tappe, trailer del film vero e proprio che uscirà a febbraio.

Leggo qualche email preoccupata sulla prossima campagna elettorale ma penso che la sfida decisiva si giocherà sui temi del lavoro e della sicurezza sociale. E penso dunque che il PD abbia tutti gli elementi per essere la forza più credibile e più convincente. Penso e credo, davvero, che saremo il primo partito come numero di voti e il primo gruppo parlamentare. Quando saranno chiari candidati e modalità di voto, anche quelli che da settimane raccontano di avere già in tasca tutto cambieranno toni, vedrete: non saranno pochi coloro che, convinti di entrare in conclave come Papa, usciranno cardinale.

È fondamentale, tuttavia, che si chiuda la pagina delle polemiche interne al centrosinistra: basta con le risse. Chi ha scelto la strada della divisione risponderà delle proprie scelte davanti ai cittadini: noi non dobbiamo attaccare nessuno. Adesso la discussione è finita, stop alle chiacchiere inutili. Abbassiamo le polemiche personali e incalziamo tutti sui contenuti.
Dobbiamo chiudere la questione coalizione (che ci aiuterà molto nei collegi uninominali della Camera e del Senato visto che circa un terzo dei seggi saranno scelti con voto secco sul collegio), ma dobbiamo anche e soprattutto rilanciare il PD. 

Per questo rinnovo l'appello a chi vorrà darci una mano per fare il Responsabile di Seggio a segnalare la propria disponibilità (clicca qui) e vorrei invitarvi a seguire sabato mattina 16 dicembre la diretta da Reggio Emilia (dalle 10 alle 13). 

Nel Teatro Municipale Romolo Valli della città del Tricolore, nella città delle sfide educativa e dei valori dei fratelli Cervi, in collegamento con mille sedi del PD distaccate sul territorio, chiuderemo politicamente questo 2017 pronti a ripartire con la campagna elettorale a gennaio. 

E ci saremo come PD, come squadra, con i rappresentanti del Governo, con gli amministratori locali, con i vostri messaggi e suggerimenti che arriveranno dai social, con le storie di un partito che ha preso l'Italia ferma in panne e l'ha rimessa in moto. 

Ora il bivio è chiaro: si continua a andare avanti o si torna indietro? La sfida tutto sommato è semplice: se pensate che l'Italia stia meglio di quattro anni fa, date fiducia al PD. Se avete voglia di tornare ai tempi dello spread e della crisi occupazionale, invece avete l'imbarazzo della scelta.

Un sorriso, Matteo
(chi vuole restare in contatto quasi quotidiano può scaricare la App Matteo Renzi, qui, grazie)

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento