martedì 2 gennaio 2018

Approvato il bilancio di previsione di Cotignola

Scuole, museo civico, parchi e manutenzione


“Abbiamo articolato la proposta di bilancio attorno alle due linee strategiche individuate all'inizio del nostro mandato: il benessere sociale e la qualità dell'ambiente e del territorio - sottolinea il sindaco Luca Piovaccari -.
Rispetto agli investimenti partirà nei prossimi anni una serie di interventi molto importanti sull'efficientamento energetico e la messa in sicurezza degli edifici pubblici, prioritariamente quelli scolastici, sulla viabilità, sulla sicurezza urbana, sulla valorizzazione delle strutture dedicate alla cultura, sulla qualificazione degli spazi pubblici per lo sport e il tempo libero”.

I principali investimenti del 2018 riguarderanno la viabilità con la riqualificazione di strade, marciapiedi e parcheggi per un importo complessivo di 625mila euro, il completamento dell’adeguamento antisismico del palazzo comunale per 443mila euro, gli impianti sportivi con interventi relativi a illuminazione e spogliatoi dello stadio “Angelo Dalmonte” per un totale di 388mila euro, pubblica illuminazione (145mila euro), e riqualificazione dei parchi urbani (65mila euro).

Per quanto riguarda le scuole, saranno sostituiti integralmente gli infissi della scuola primaria di Cotignola, per una spesa di 310mila euro. L’edificio, inaugurato nel 1929, gode del vincolo della soprintendenza: i nuovi infissi saranno in legno, come quelli originali, ma all’avanguardia in termini di coibentazione, nel pieno rispetto architettonico della struttura; sarà inoltre sostituito l’impianto di riscaldamento delle scuole medie (95mila euro).

Il 2018 sarà inoltre l’anno in cui vedrà la luce il primo stralcio di lavori che porteranno alla riqualificazione complessiva e all’ampliamento del museo civico “Luigi Varoli”, grazie soprattutto all’acquisizione dell’edificio adiacente a Casa Varoli, che diverrà un tutt’uno con l’attuale casa museo; i fondi stanziati per il primo stralcio ammontano a 150mila euro.

“Dare avvio a questi importanti investimenti pubblici rappresenta il miglior contributo che il Comune può dare allo sviluppo economico del territorio, creando opportunità lavorative immediate per le imprese che si aggiudicheranno questi appalti. - prosegue il sindaco -. Continueremo ad accompagnare a questo sforzo sul versante delle opere pubbliche, l’attenzione al tema della coesione sociale lavorando sulla riqualificazione del sistema di welfare, continuando a sviluppare sinergie con il mondo privato e favorendo percorsi di innovazione sociale, sfruttando anche i nuovi strumenti di contrasto alla povertà messi in campo da Regione e Governo, monitorando con attenzione l’applicazione del nuovo regolamento regionale per l’assegnazione degli alloggi Erp e rafforzando il ruolo dell’Asp anche attraverso sinergie con gli altri territori. Il tutto senza ritoccare le tariffe dei servizi a domanda individuale (mensa scolastica, trasporto scolastico, servizi pre e post scuola) che rappresentano un elemento centrale per consentire alle famiglie di conciliare i tempi di vita con quelli lavorativi”.

Attraverso il Poc è stata compiuta una revisione della pianificazione urbanistica, riducendo di 142 ettari le aree di espansione, e quindi il consumo del territorio, restituendole a un uso prevalentemente agricolo. Questo percorso si intreccerà con la variante al Psc e al Rue dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, che verrà approvata nei primi mesi del 2018 e che sarà propedeutica alla nuova legge urbanistica regionale di prossima uscita.

“Il punto di riferimento della nostra attività amministrativa resterà quello del coinvolgimento e della corresponsabilità di tutte le energie positive della nostra comunità - conclude Piovaccari -: imprese, attività commerciali e artigianali, rappresentanze, volontariato, cittadini. Per farlo continueremo a mantenere aperto un dialogo con tutta la comunità per portare avanti insieme progetti condivisi, in particolare sui temi della qualificazione del verde pubblico, delle politiche energetiche e della valorizzazione del nostro patrimonio storico-culturale”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento