sabato 13 gennaio 2018

Immagini di sport lughese di "qualche" anno fa

Lugo 26 Dicembre 1972 - Prima Giornata dello Sport
di Ivan Rossi

Valerio Spadoni e Adriano Guerrini
Nel 1972, su iniziativa del sindaco Adriano Guerrini, viene istituita una manifestazione che troverà anche parecchie imitazioni, la Giornata dello Sport.

Come data il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano. Lo resterà per sempre, salvo un’unica eccezione. 

Alla 1ª GIORNATA DELLO SPORT aderiscono ventotto società sportive, ognuna delle quali presenta un proprio associato (due nel caso di attività sia nel settore maschile sia nel femminile) meritevole di ricevere un premio. Inoltre sono previsti, e lo saranno per ogni edizione, premi speciali per atleti, dirigenti e/o società sportive per i successi ottenuti a livello nazionale.

Premi speciali della Prima edizione:

VALERIO SPADONI Calciatore di Serie A, con i colori della Roma

LORIS BENELLI Giocatore Pallacanestro in forza alla Virtus Norda Bologna (serie A)

Riconoscimento particolare alla Società Ciclistica Francesco Baracca.

Durante la cerimonia si evidenzia che, tra i risultati più rilevanti della stagione sportiva 1971/72, vi è la promozione della SIREA Pallavolo in serie D; un importante traguardo, raggiunto dopo aver vinto la 1ª divisione e aver superato le finali regionali e interregionali. Questa la formazione protagonista del campionato, le cui gare interne si sono svolte negli angusti spazi della palestra del Liceo Scientifico: Alberto Cricca, Roberto Bosi, Domenico Babini, Andrea Zampighi, Vincenzo Geminiani, Lorenzo Longhi, Maurizio Galeotti, Stefano Chierici, Antonio Lega, Carlo Galamini, Primo Guidani (Allenatore: Paolo Giornelli).

Nello stesso anno va ricordato che un'altra premiazione (18 maggio), aveva visto protagonisti atleti lughesi, quella del Panathlon provinciale. Alla seduta solenne, presso il Motel Romea di Ravenna, ricevono la medaglia d’oro, per l’attività in atletica e al merito scolastico: Lucia Carvi (I.T.C. Compagnoni), Antonio Dirani (Liceo Trisi Graziani), G. Paolo Mazzotti (Liceo Ricci Curbastro) mentre, al Moto Club Baracca, va la targa d’argento del CONI, per le affermazioni dei propri velocisti Lega, Mongardi e Baroncini (pilota Campionato Italiano Velocità Senior, Ducati 500). Premio anche ad Angelo Zucchini per i 50 anni d'attività motoradunistica a livello nazionale e internazionale.

Per il motociclismo è un anno assai importante. Si registra, infatti, il passaggio al professionismo di Mario Lega e Giovanni Proni che partecipano al Campionato Italiano Velocità Senior nelle classi 250 e 350, supportati rispettivamente dal Moto Club Baracca e dal Moto Club S. Lorenzo.

Il Baracca Calcio è la società che milita nel campionato più importante, la serie D. Al termine della stagione 1971/72 la formazione bianconera sarà al 5° posto (vince il Ravenna, che accede alla serie C). Un piazzamento onorevole che ripaga l’impegno della direzione guidata dai co-presidenti Emilio Polgrossi e Pasquale Pattuelli e dall’impareggiabile d.s. Rino Cavalcanti. 


L’allenatore Ezio Pascutti, ex azzurro e protagonista dello storico scudetto del Bologna, ha potuto contare su alcuni giocatori esperti, come Sistro, Tonini, Vitali, Nascimbeni, Ricci Picciloni, Cantagalli, Caranti, Ghetti e Longhi; accanto ad alcuni talenti emergenti, come Frighi e Missiroli.

Per il campionato 1972/73, oltre alla riconferma di Pascutti (spesso sostituito dal suo secondo, Prof. Montanari, a causa delle tante squalifiche), il Baracca cede alcuni giovani a squadre di serie superiori: Bertagna e Cavalieri al Bologna, Malaguti al Foggia; gli Allievi Rosetti all’Inter, De Luca e Daniele Baroncini alla Juventus. Inoltre partono, tra gli altri, Missiroli e Servidei. Tra i nuovi arrivi, Migotto, Soavi, Marchi, Pelliccia, Trevisani, Zanotti
e un ragazzo che sarà lanciato da Lugo verso il massimo campionato (Fiorentina dal 73 al 77), si tratta dell’attaccante Sante Crepaldi.

S’insedia a Lugo l’ARCI (Associazione Ricreativa Culturale Italiana) con competenza su tutto il territorio comprensoriale. Seguirà fin da subito la branca sportiva, l’UISP (Unione Italiana Sport Popolare), un’organizzazione capace in pochi anni di rendersi protagonista nella diffusione della pratica sportiva.

Atletica: Loris Gennari partecipa alle finali nazionali dei Giochi della Gioventù, dove ottiene il tempo di 9”8 nei m. 80 e 51”2 nella staffetta mista con Selicato, Raffoni e Rivola. Ai Campionati Regionali Allieve di Piacenza Marina Spiga salta 1,50 nell’alto, Anna Bartolotti corre i 400 in 1’03”9 e Paola Quercioli lancia il disco a m. 26,40.

La Classifica finale assoluta, dopo le sette gare in programma a Riolo Terme nelle Camminate del Venerdì, vede prevalere Ivan Rossi con tre primi posti, tre secondi e un terzo.

Nella boxe si mettono in luce alcuni giovani interessanti come Enrico Cumali (Cumali Boxe) e Cristiano Cavina (Enal Puglistica Lughese) chiamati in azzurro.







Ivan Rossi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento