sabato 20 gennaio 2018

La BCC contribuisce al crowdfunding della Scuola Maria Ausiliatrice di Lugo

Riceviamo e pubblichiamo


«Siamo molto soddisfatti, per i nostri ragazzi, che ora vedranno realizzato il desiderio di avere un’aula di informatica moderna e funzionale alle loro esigenze didattiche.

E per gli insegnanti, che ora potranno svolgere la loro funzione al meglio con l’ausilio di strutture adeguate. Ringraziamo di cuore i 49 sostenitori che hanno effettuato donazioni per questo progetto.

Ringraziamo la BCC, che con il suo generoso contributo ci ha permesso di superare i 5.000 euro raccolti». Felicità e riconoscenza nelle parole di Cinzia Arrigoni, Direttrice della Scuola Maria Ausiliatrice di Lugo, che ha promosso sulla piattaforma di Idea Ginger una campagna di crowdfunding per ristrutturare l’aula di informatica.

C’è tempo fino al 26 gennaio per donare online (www.ideaginger.it) a favore del progetto. «Confidiamo - continua la Arrigoni - di raccogliere ulteriori fondi in questi giorni rimanenti per poter completare i lavori di riammodernamento dell’aula tecnologica e ringraziamo sin da ora chi vorrà aggiungere il suo contributo».

«Siamo molto contenti come Banca di Credito Cooperativo di aver contribuito in modo sostanziale al raggiungimento di questo obiettivo in favore di studenti di Lugo. Questo è un impegno concreto di risposta a un’esigenza del territorio dove operiamo», ha dichiarato Giorgio Bonavia, Capo dell’Area di Lugo de La BCC ravennate, forlivese e imolese.

«Questo è il quinto progetto di crowdfunding realizzato con la collaborazione e il sostegno della Banca di cui beneficiano nelle varie aree in cui operiamo nostre associazioni socie o clienti - spiega Raffaele Gordini, Amministratore e Presidente del Comitato Locale di Lugo de La BCC -.

Visto il successo e la soddisfazione generata da questo tipo di progetti, che hanno fatto emergere iniziative meritevoli realizzate grazie alla grande solidarietà della “folla”, con il convinto appoggio della nostra Banca, abbiamo deciso di replicare questa virtuosa esperienza nel 2018, dando la possibilità ad altre associazioni di poterne usufruire. 

Ripartiranno quindi i workshop formativi e le selezioni dei progetti “Crowdfunding, l’energia del territorio”, una ulteriore modalità per La BCC ravennate forlivese e imolese, banca del territorio, di essere vicina alle esigenze delle comunità locali di riferimento».
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento