lunedì 29 gennaio 2018

Una nomination all'Oscar all'insegna del tabagismo?!

Io mi sono annoiato


Adoro il cinema, appena saputa la notizia che un film italiano, dopo troppi anni, è in Nomination, addirittura a 4 Oscar, compreso il più importante, mi sono messo alla ricerca di vederlo.

Solo dopo averlo visto sono arrivato a capire il senso del titolo, se ami una donna non puoi scambiare con lei il nome come dimostrazione di annullarti in lei e viceversa.

Non era poi così esplicito nè dal trailer, nè dalla presentazione, che la storia di amore tra due ragazzi dello stesso sesso fosse il tema centrale del film ed io spesso fatico a capire.

Ovvio che non sarei andato a vederlo, magari anche altri, che non sia per questo che non è poi così chiaro?

Capisco la Nomination per la sceneggiatura, splendida, tra l'altro in un ambiente oggi di gran moda, la collina (mi pareva di essere a Crespino!), in parte per il miglior attore (forse per la difficoltà di interpretare sesso con un altro maschio?), non giudico la camzone originale perchè sono ignorante, ma fatico a capire quella per il miglior film, visto che mi sono annoiato, ma molto probabilmente è colpa mia.

Cosa me ne frega a me delle storie personali di due ragazzi che si amano, di due sessi diversi o dello stesso sesso, fatti loro, a me al cinema interessa riflettere, imparare, da vicende che interessano tanti di chi lo guarda, il film.  

Fosse stato di due sessi diversi tutto quanto raccontato nel film, avrebbe rischiato addirittura di non arrivare nelle sale.

Semmai, degno di interesse, sorpresa, quanto meno inusuale, il dato che due genitori, nel 1983, approvino la relazione.... 

L'unico momento interessante del film, il padre che esprime al ragazzino cosa prova di fronte alla esperienza che ha vissuto il figlio, la libertà di vivere i propri sentimenti, le proprie emozioni, senza condizionamenti esterni. 

Di interesse anche per me, tabagista, che in due ore, quasi tutti i personaggi, compreso il ragazzo di 17 anni, non stiano quasi mai senza fumare. 

Non è che l'Oscar lo perderemo proprio per il cattivo esempio, era proprio necessario tutto quel fumo?

Io non vedevo l'ora, annoiato, di uscire a fumare...

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento