sabato 3 febbraio 2018

Immagini di sport lughese di "qualche" anno fa

1974


La crescita dello sport lughese è evidenziata dalle ben 35 società sportive operanti sul territorio.






Tra le novità emergenti del periodo merita una citazione la palestra per la boxe allestita dai Cumali che va ad aggiungersi alla storica ENAL Pugilistica. Si avvicinano al pugilato tanti giovani, come non si vedeva da tempo. 

Alcuni dimostrano subito di possedere la grinta e il talento necessari per emergere, potendo anche contare sugli insegnamenti di allenatori locali esperti e tecnicamente preparati. Uno dei primi a mettersi in mostra a livello internazionale è proprio un atleta della Cumali, Enrico Di Leo che vince a Bologna (Italia/Jugoslavia - Juniores) e giunge 4° agli Europei di Kiev. A Rimini in ottobre, ai Campionati Italiani, si aggiudica il titolo contro Inzis, dopo che il cugino Moia gli aveva lasciato il passo in semifinale (forfait).

Continua, in modo clamoroso, la crescita del podismo che sta diventando una delle discipline più praticate grazie al fatto che non esistono limiti d'età. Accanto agli agonisti, presenti in buon numero in Romagna, sono sempre di più le persone che si dedicano a quest'attività, tanto da superare i mille in ambito provinciale. Proliferano così le corse, e le passeggiate, in centri grandi e piccoli. 

I Fratelli Ivan e Giuliano Rossi giungono primo e secondo nella 2ª Camminata di Primavera. Tra le nuove gare, spicca quella organizzata a S. Potito dove, tra gli agonisti adulti, primeggiano i lughesi Giuliano Rossi (1°) e Dante Lolli (3°). 

Ma il dato più indicativo è rappresentato della presenza di centinaia di piccoli atleti. Un fenomeno destinato a esaurirsi in pochi anni, ma che sarà fucina irripetibile di talenti. Un periodo nel quale si gettano le basi per quel movimento di qualità che, per oltre due decenni, collocherà l’Emilia - Romagna tra le regioni più forti in assoluto nel mezzofondo.

Allo sviluppo del podismo, come del ciclismo amatoriale, contribuisce anche la crisi petrolifera che costringerà il governo a decretare le domeniche a piedi.

Anna Bartolini è finalista ai G.d.G. nazionali d’Atletica a Roma dove corre i m. 1000 in 3’12”6 e comparirà in copertina sulla rivista nazionale del CONI (pettorale n°68).

Ancora in evidenza lo Judo Club Enal, la società è prima in regione grazie, in particolare, alle prestazioni di Giovanni Cicchetti, Domenico Pisotti, Poldo Raffellini e Anna Fabbri. Anche la Federazione Nazionale apprezza il lavoro svolto, e rinnova la propria fiducia al Club lughese, affidandogli l’organizzazione dei Campionati Italiani Assoluti Maschili, che si tengono nel mese di dicembre e vedono l’atleta di casa Paolo Berretti salire sul terzo gradino del podio nella categoria medio leggeri.

- Il campionato di pallavolo maschile di serie D da regionale diventa interregionale. Nel frattempo nella Sirea, al gruppo della promozione, si sono aggiunti alcuni atleti provenienti dalle giovanili: Vincenzo Dall’Olio, EnnioTozzi e Fulvio Colletti.

- Il Baracca Calcio ha chiuso il campionato 1973/74 al 10° posto in classifica, con 35 reti all’attivo, 12 delle quali segnate da Visentin. Inoltre ha fatto il suo esordio il giovane lughese Mauro Spiga, proveniente dall’atletica, Turola è ceduto all’Avellino e Gian Luigi Rizzo al Torino. Per la successiva stagione, non essendo più disponibile Pascutti, il nuovo allenatore diventa Mario Tortul. Tra i nuovi giocatori da registrare l’ingaggio del Lughese Renzo Gianstefani, il ritorno di Rosetti dall’Inter e l’acquisto di Quadalti dal Bologna.

3ª GIORNATA DELLO SPORT
Premi speciali

ENRICO DI LEO Campione Italiano Dilettanti - Boxe Categoria Pesi Mosca

MARIO LEGA (Diemme - Moto Club Baracca) Campione Italiano Velocità Senior - 350

FRANCO SQUARISE (Scuderia del Passatore) Campione Italiano Automobilismo “Turismo” Classe 500

GIULIO DRAGONI Campione Italiano Tiro a Segno - Carabina Standard II Classe.










Ivan Rossi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento