martedì 6 febbraio 2018

La poesia del martedì

Biȃncanev

Set dé,
set nē ch’ i s e’ avié,
set segn
de tu mond che sparèş.
È prènȥip l’armastarà un sogn
e t cuntinuaré a durmì
in cla caşa ’d védar
e de mond t a n aré ’vsogn.
Un dé t a t svigiaré
e i tu pì i s puşarà
söra l’onich ëlbar
dal mel avlinèdi,
che a l’ëria e a e’ sol,
l’arà laşé e’ sèc ’d al su radis.
Sol alöra i scrivarà
che la tu föla l’è fnida,
e te t a t gvardaré intóran
parché par te l’an e’ maj cminȥȇda.


Roberto Pontoni

Biancaneve.


Sette giorni, / sette nani sono partiti, / sette

segni / del tuo mondo che scompare.

Il principe rimarrà un sogno / e tu

continuerai a dormire / in quella cassa di

vetro / e del mondo non avrai bisogno.

Un giorno ti sveglierai / e i tuoi piedi si

poseranno / sull’unico l’albero / dalle mele

avvelenate, / che all’aria e al sole, / che

all’aria e al sole / avrà lasciato il secco

delle sue radici.

Solo allora scriveranno che / la tua favola

è finita, / e tu ti guarderai intorno / perché

per te non è mai iniziata.



Roberto Pontoni

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento