martedì 13 febbraio 2018

La poesia del martedì

La vangarôla

Zirchènd a-n sò piò côsa ins la sufeta,
abse’ a i cavdõn che un temp j’éra ins l’irôla,
a veg spuntê’, stra un sac e una caseta,
e’ mãng tarlê d ‘na vëcia vangarôla.
E u-m pê’ d’avdé’ mi bab ch’u la ten streta,
un temp luntãn che cvési u-m pê’ una fôla,
sota chi tigli, cun la bicicleta,
cun e’ gvinzaj, e’ cãn, la musarôla.
Dai vèn, zérca purì, tu’ so, a j’ëla?
Va’ piãn, dai che la j’è, vèn, tórna indrì”,
un fes, una careza, un cumpliment,
e cãn e’ raspa, e’ trôva una garnëla,
u-j dà un truclì, un biscöt, “T cì brêv purì!”.
A toc la vangarôla, e incóra a-l sent.

Franco Ponseggi


La vangarola (del tartufo)

Cercando non so più cosa sulla soffitta, / vicino agli alari che
un tempo erano sul focolare, / vedo spuntare, tra un sacco e una
cassetta, / il manico tarlato di una vecchia vangarola. // E mi
pare di vedere mio padre che la tiene stretta, / un tempo lonta-
no che quasi mi sembra una favola, / sotto quei tigli, con la bici-
cletta, / con il guinzaglio, il cane, la museruola. // “Dai vieni,
cerca poverino, prendi su, c’è? / Va’ piano, dai che c’è, vieni,
torna indietro”, / un fischio, una carezza, un complimento, //
il cane raspa, trova una pallina (di tartufo), / gli dà un piccolo
tozzo di pane, un biscotto, “Sei bravo, poverino!”. / Tocco la van-
garola, e ancora lo sento.

Franco Ponseggi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento