lunedì 26 febbraio 2018

Programmi e candidati coerenti con la visione del futuro del PD

L'Unione deve muoversi come se la Bassa Romagna fosse un'unica realtà di oltre centomila abitanti 

Intervista a Matteo Fantuzzi 37 anni, abita a Lugo, è il nuovo Coordinatore del PD Bassa Romagna da fine Novembre. L'intervista parte dalla campagna elettorale per le politiche del 4 marzo.


Come vede la situazione?


“Distinguerei fra situazione nazionale e locale: da Roma le riforme, i nuovi diritti sociali e il rilancio lieve ma costante dell'economia del Paese dovrebbero portarci consensi, se non accade come immagineremmo forse ancora qualcosa stona e dobbiamo comprendere le ragioni di chi guarda altrove; nel territorio siamo forza di governo da tempo, guidiamo sette Comuni su nove e l'Unione con un PD radicato e credibile, oltre che più unito al proprio interno rispetto anche solo al recente passato: per questo la nostra visione politica è maggiormente condivisa dagli elettori, ma la vera sfida rimane la partecipazione al voto perché la democrazia non vive senza rappresentanza”.

Quali priorità per la Bassa Romagna?


“Il lavoro e l'identità. La crisi ha colpito fortemente anche le nostre terre, sebbene in misura diversa. L'economia del territorio ha bisogno di un rilancio che richiede fiducia e sinergie tra pubblico e privato. Per questo il “Patto per lo sviluppo”, prossimo alla firma delle istituzioni e delle forze sociali, rappresenta un percorso virtuoso in grado di produrre attrattività di capitali ed investimenti innovativi, coinvolgendo in queste dinamiche le nuove generazioni che devono potere prendere parte alla costruzione del futuro dei nostri luoghi.

L'altro orizzonte è il governo dell'area, che richiede progetti di sistema e relazioni solidali e che deve portare i Comuni e l'Unione a muoversi come se la Bassa Romagna fosse un'unica realtà di oltre centomila abitanti in grado comunque di mantenere le proprie caratteristiche e sensibilità ad ogni angolo, strada, piazza”.

A Bagnara fra pochi mesi e nel 2019 negli altri Comuni si andrà al voto amministrativo, quali idee ha il PD?

“A Bagnara in un clima sereno stiamo incontrando gli iscritti e i simpatizzanti verificando le possibili candidature per una proposta nuova e convincente che dopo il 4 Marzo sia in grado di portare intorno al progetto quante più persone e visioni, mentre negli altri Comuni avremo modo di costruire programmi e candidati coerenti con la visione del futuro del PD, in una sintesi fra cose fatte (tante) e le cose da fare (comunque molte), che richiede continuità e credibilità per ricevere la fiducia degli elettori. Faremo analisi in ogni Comune ma di certo l'economia con la promozione delle sue eccellenze e lo sviluppo delle imprese, l'urbanistica con la rete e le infrastrutture dell'area, la cultura con le offerte locali ed i patrimoni storici, i servizi 0-6 come sistema, il welfare di comunità e la sanità integrata Lugo-Faenza, i giovani e la formazione collegata al lavoro, l'Unione verso la seconda fase, tutti questi sono punti dell'agenda PD Bassa Romagna, forza responsabile aperta a coalizioni di comunità, purché nel solco del centrosinistra”.

La società moderna sembra anche da noi più individualistica e meno legata alla politica, che fare?
“Viviamo il tempo dell'incertezza e della crisi di futuro per cui la sfiducia è cresciuta ovunque, anche da noi. Una sfiducia che premia le forze che vogliono essere fuori dal sistema e si nutrono di paure, aggressività, con episodi di intolleranza e neofascismi. Forze che vogliono distruggere invece che costruire, che hanno bisogno di un nemico da abbattere per legittimarsi. Ecco noi vogliamo in Bassa Romagna aprire un percorso differente, dove si affrontino le criticità e si cerchi di migliorare tutti assieme le comunità in cui viviamo e dove vogliamo che vivano i nostri figli. Anche per questo saremo presenti a Roma alla manifestazione “Mai più fascismi, mai più razzismo” perché crediamo in una manifestazione popolare, pacifica e partecipata come appunto dovrebbe essere sempre la politica.”

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento