martedì 27 marzo 2018

Bella la risposta di Ranalli

E' disponibile a ricandidarsi?


Foto di repertorio!
Lo tsunami politico del 4 marzo non ha certo risparmiato la rossa Romagna e questo stimola particolarmente la curiosità, la voglia, il bisogno, di sapere il cosa potrebbe succedere...

Cosa pensano di fare ora i partiti a livello provinciale, del Comune della Romagna Estense, di Lugo, soprattutto in che modo intendono muoversi per arrivare al punto centrale, la scelta dei candidati a sindaco, su cui eserciteremo il nostro potere di scelta, tra poco tempo? 

Nel giro di 24 ore dopo il voto, sono subito arrivate le ovvie considerazioni del centro destra, del M5S, di per la Buona Politica, che cioè ora, per la prima volta dopo 70 anni, i risultati delle gare della prossima primavera saranno incerti.

Facile aggiungere che saranno risultati determinati dall'indice di gradimento, di fiducia, dei singoli candidati, ma anche dal modo come si arriverà alla scelta dei candidati. 

Nel sempre più assordante silenzio del Pd locale, si registrano intanto due interessanti risposte alla domanda se si ricandideranno.

Eleonora Proni.

"Non sempre si è buoni giudici di se stessi ed è utile, e a volte indispensabile, sottoporsi al giudizio degli altri".

Quali altri? Speriamo non al giudizio dei soliti noti, ma di tutti, già le Primarie.

Davide Ranalli.

"Sono stanco di sentire gli "Io mi candido". Se vogliamo veramente sostituire l'io con il noi dobbiamo iniziare a essere tutti un pò più utili a sentirci un pò meno indispensabili".

Un'affermazione di un Ranalli che indubbiamente è cresciuto tantissimo in questi quattro anni e che mostra di aver perfettamente interpretato il messaggio politico dato dagli italiani, anche dai romandioli, appunto il 4 marzo.

Una frase rivolta in primo luogo a Renzi, ma che soprattutto esplicita la necessità di impegnarsi in politica con umiltà, non con l'arrivismo, la voglia di emergere, che in particolare nella Romagna Rossa ha pesato e stava pesando ormai troppo.

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento