martedì 20 marzo 2018

Due russi su tre vogliono Putin

Pensieri post elettorali
di Arrigo Antonellini

Nelle democrazie miliardi di persone vogliono essere governati dalla persona su cui hanno fiducia.

In Russia, in Cina, negli Stati Uniti, dove ha vinto chi non piaceva al suo partito, in tanti paesi europei, in Italia, da un elettore su due, per Di Maio e per Salvini.

Eppure c'è ancora chi pretende di rinascere con una gestione collegiale, vantando di essere un partito vero, dimenticando che al 40 per cento ci arrivammo per la fiducia degli italiani nel rottamatore Renzi.

Forse è meglio che si guardino intorno, che intanto e presto si diano un leader da proporre (Gentiloni) per la rinascita e che lo facciano con una modalità che crea consensi, le Priamarie, facendo scegliere ai potenziali elettori rimasti. 

Un leader a tutti i livelli. Non si vince più chiedendo di "votare il partito", a decidere il candidato ci pensiamo noi...

E a proposito, dalla Russia, alla Rocca, quando finirà l'assordente silenzio di via Matteotti? Le pensate del Pd di Lugo sull'esito elettorale, ma non a Roma come, brutto vizio, si è soliti fare, ma a Lugo e nella Romagna Estense, ma soprattutto qual'è il programma, adesso? 

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento