martedì 6 marzo 2018

La poesia del martedì

Brisa ripetar brisa smingheas

Um a det tati vualt c um vòa bei
ca so la louna e sol, un fiuradei,
par me perdas in cal beali parual,
l’era guintèa la principesa dal fual.
Anò capì e mutiv de prem s-ciafou,
dop um cmandè scusa cun i guzlou.
L’inferan in cà, fura, geluseia, boat,
armulineva in tla viuleiza, intal loat.
A vleva credar in cal prumesi, busei,
in geva neca me ae prout sucors, ai vsei.
Avleva aviem, un s né fat una rasou,
un demoni, un l’à farmèa gnit e inciou.
Un a avù e curag d lasèam vivar la libartèa.
Mo ad sciantèam la vita u là truvèa.
Doan, fasiv sintì, farmì chi scurs, cal mà,
chi c av vua bei uv lasa andèa in là.
I là da insignèa in t al scoal e indipartot,
iludas che chembia un viuleit l’è propi brot.
Ferma chi c vò ripetar, chi c vò cupièa,
un souna la campaneala par la tu dignitèa.


Lucia Baldini

Poesia finalista alla seconda edizione del Concorso nazionale Convivium in honorem

Non ripetere, non dimenticare

Mi ha detto tante volte di amarmi/che sono luna e sole, un piccolo fiore/per me perdersi in quelle belle parole/era diventare la principessa delle fiabe./ Non ho capito il motivo del primo schiaffone,/ dopo ha chiesto scusa con le lacrime agli occhi./ Inferno in casa, fuori, gelosia, percosse,/ ero in un vortice di violenza, nelle lotte/. Volevo credere alle promesse, alle bugie,/ ne dicevo anch’io al pronto soccorso, ai vicini/ Volevo andarmene, non si rassegnava/, un demonio, non l’ha fermato niente e nessuno/Non ha avuto il coraggio di lasciarmi vivere la libertà,/ ma di distruggermi la vita l’ha trovato./ Donne, fatevi sentire, fermate quei discorsi, quelle mani/chi vi vuole bene vi lascia allontanare/. Devono insegnarlo nelle scuole e dappertutto,/ illudersi che un uomo violento cambi è proprio una cosa brutta./ Ferma chi vuole ripetere, chi vuole copiare,/ non suona la campanella per la tua dignità.


Lucia Baldini
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento