martedì 13 marzo 2018

La poesia del martedì

A vreb avdé....


stra l’érba e al foj d’un fös, a premavira,
 a vreb sintì l’armór de’ vẽnt ch’e’ tira,
d’un zöc ch’e’ bruša lẽnt ins un’ irôla.

Stra amig sintì e’ calór d’ una parôla
còma un pô d sól d’invern’ a la custira;
farmês, sintì la tëra ch’ la rispira,
farmês e mets’ in sdé, ascultê una fôla.

Mo tot i cor, i va, i pretènd, i ziga,
sta vita senza tẽmp la s’abarbaja,
ch’ u-n s véd cvel ch’ l’ è piò cêr e misterióš,

e’ côr ch’e’ bat, un fiór, una furmiga,
e’ zil la nöt, e’ vól d’ una parpaja.
A vreb sintì e’ silẽnzi, la su vóš.

Franco Ponseggi

Poesia prima classificata alla seconda edizione del Concorso Convivium in honorem



Vorrei vedere...

Vorrei vedere la bellezza di una viola
tra l’erba e le foglie di un fosso, a primavera,
vorrei sentire il rumore del vento che tira,
di un ceppo che brucia lento su un’arola.

Tra amici sentire il calore di una parola
come un po’ di sole d’inverno a solatìo;
fermarsi, sentire la terra che respira,
fermarsi e mettersi a sedere, ascoltare una favola.

Ma tutti corrono, vanno, pretendono, urlano,
questa vita senza tempo ci abbaglia,
che non si vede quello che è più chiaro e misterioso,

il cuore che batte, un fiore, una formica,
il cielo la notte, il volo di una farfalla.
Vorrei sentire il silenzio, la sua voce.

Franco Ponseggi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento