sabato 31 marzo 2018

Protezione dal rischio idraulico

In corso le opere nella zona sud-est di Bagnacavallo


È in corso di esecuzione il primo lotto di lavori per la protezione dal rischio idraulico e la laminazione della zona sud-est dell'abitato di Bagnacavallo, caratterizzata da una ridotta capacità di scolo delle acque meteoriche che comporta situazioni di criticità nel caso di precipitazioni intense.





Le opere, eseguite dalla ditta Giovane Strada di Forlì per un costo complessivo di circa 39.000 euro, consistono nel completamento della laminazione dell'area di via Bandiera mediante la realizzazione di un pozzetto all'incrocio con via Redino, il collegamento con la condotta preesistente e la posa delle nuove condotte per l'instradamento delle acque verso il nuovo bacino di laminazione.

Il secondo lotto di lavori, in corso di progettazione da parte del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, prevede la laminazione dello scolo Redino all'interno del bacino individuato, allo scopo di migliorare l'assetto idraulico dell'intera area sud-est di Bagnacavallo.

Le opere, necessarie al regolare funzionamento della raccolta e della regimazione delle acque, fanno seguito all’acquisto da parte del Comune di un’area di circa 50.700 metri quadrati per la formazione di un bacino di laminazione presso le vie Redino e Bandiera.

Tale area era stata individuata dai tecnici del Comune e dal Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale come strategica per la laminazione sia della zona urbana di via Bandiera sia per la laminazione dello scolo consorziale Redino.
Il costo complessivo degli interventi, compreso l'acquisto dell'area, è di circa mezzo milione di euro.

«Dopo l'acquisto dell'area per il bacino di laminazione Redino - spiega il sindaco Eleonora Proni - ecco un nuovo fondamentale passo per la risoluzione del problema di sicurezza idraulica nella zona e dei conseguenti disagi dei residenti. Della criticità siamo sempre stati ben consapevoli e per questo da anni ci adoperiamo assieme al Consorzio di bonifica per giungere a una sistemazione risolutiva. Ora manca soltanto l'ultimo passo con la laminazione dello Scolo Redino, ma già nell'immediato le opere di questi giorni dovrebbero portare consistenti benefici per la zona in caso di forti piogge.»


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento