sabato 10 marzo 2018

Un pozzo di scienza: la rivoluzione digitale nelle scuole del ravennate

Il programma didattico del Gruppo Hera


Si è conclusa l’edizione 2018 del programma didattico del Gruppo Hera dedicato agli istituti superiori alla quale hanno partecipato 2.275 studenti del ravennate.



Internet of things, Big Data, cyber security, fake news: ma siamo preparati alla rivoluzione informatica che mira a trasformare e semplificare le nostre vite? Per non farsi cogliere del tutto impreparati Società 4.0 - futuro e rivoluzione digitale è il tema della dodicesima edizione di Un pozzo di scienza, il programma didattico di Hera per le scuole secondarie di 2° grado, dove studenti, esperti e ricercatori approfondiscono i tanti vantaggi che la tecnologia ha portato alle nostre attività.

Il progetto è patrocinato dall’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna e vede anche quest’anno la collaborazione di ComunicaMente.

Nel ravennate 91 classi tra incontri, workshop e laboratori

Sono partite lunedì scorso (5 marzo) dall’ENGIM di Ravenna e si sono concluse oggi presso il Polo tecnico professionale Stoppa di Lugo le attività didattiche che hanno coinvolto 7 istituti superiori di Ravenna: ITIS “N.Baldini”, Liceo Dante Alighieri, ITC “G. Ginanni” e Liceo Oriani; di Lugo: Istituto tecnico professionale Compagnoni. Il progetto ha offerto 14 incontri, 19 laboratori e 2 workshop a 2.275 alunni distribuiti su 91 classi.

Tra gli incontri scientifici proposti, hanno registrato più iscrizioni: “Addittive manufacturing e stampa 3D”, che fornisce tutti gli aggiornamenti sulle applicazioni di questa innovativa tecnica di stampa; “Mappe interattive” che spiega cos'è la geolocalizzazione, come funziona Google Maps e come fa a sapere così tante cose, come ad esempio il bar di nostro gusto più vicino a noi fino alle informazioni accuratissime in tempo reale sul traffico; “Salute digitale”, che illustra come le nuove tecnologie stanno rivoluzionando la diagnostica medica e i percorsi che hanno portato a nuove opportunità, come terapie digitali e interventi sanitari, attuati attraverso dispositivi elettronici.

Science Day: le sfide tra scienza e creatività

Grandi novità nel 2018: quest’anno, tutte le classi potranno sfidarsi non solo nel tradizionale Click Day, la gara all’ultimo click sugli argomenti trattati in questa edizione, ma anche nel nuovissimo Smart Day, una competizione che durerà per tutto il periodo dello svolgimento del Pozzo, terminerà il 18 aprile e premierà la creatività dei ragazzi alle prese con video, testi, esperimenti o prototipi prodotti sul tema. Ben due classi vincitrici potranno andare insieme in visita al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano.

Evento conclusivo dell’edizione 2018 sarà la consueta Maratona Fotografica DISTURbo, il gioco a squadre che tra maggio e giugno riempirà le città di Bologna e, da quest’anno, invaderà anche Riccione di fotografi in erba. I premi saranno tanti e il Premio Hera, andrà al team che meglio avrà interpretato i target fotografici legati ai temi di un pozzo di scienza 2018.

A Bologna l’appuntamento è per sabato 5 maggio, mentre a Riccione il 23 giugno.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento