sabato 7 aprile 2018

Il bene del Paese dall'opposizione?

Il tocca a loro, non è una linea, il dialogo è doveroso

Mi interesso di politica da parecchio, penso anche di avere una mentalità "pratica" (ho studiato economia).

Della Politica, penso che sia il primo, più importante, più "produttivo" dei servizi al prossimo. 

Credo di essere in grado di misurare quanto bene, il peso numerico, di quanto di questo bene, "il servizio al prossimo", si possa fare al massimo, essendo bravissimi a farlo, come meglio non si può, dall'opposizione.

Butto il 5 per cento dell'effetto delle Istituzioni sul livello della qualità della vita del prossimo. 95 per cento va alla maggioranza, 5 per cento alla minoranza.

Un 5 che a sua volta va diviso tra i diversi gruppi di minoranza.

Quanto hanno pesato sulla qualità della nostra vita in questi ultimi cinque anni i Cinque Stelle, il Centro Destra, a livello nazionale e nel nostro comune?

Ho vissuto gli anni in cui un partito del 10 per cento  aveva trovato il modo di pesare il 51.

Era, ed è, una cosa dove ciascuno faceva un passo indietro sapendo di non avere la verità in tasca (Moro, Berlinguer), si parlava, ci si confrontava, ci si comprometteva, si facevano alleanze, si governava insieme.

Oggi c'è tanta, troppa, arroganza, si fatica davvero a credere che sia la prima priorità fare il bene del Paese scegliendo la linea politica di riposarsi, stare su quell'Avventino che loro non vogliono sia chiamato così.

In realtà prende corpo nel nostro partito la linea dei dialoganti, Franceschini, Orlando, Fassino, forse anche Delrio e Gentiloni,  che tra l'altro si dice possa essere il nuovo segretario (a lui Renzi avrebbe dovuto lasciare spazio in campagna elettorale): "Serve una partecipazione più attiva alla vita istituzionale (Antonello Giacomelli, renziano).

"Il tocca a loro, non è una linea, il dialogo è doveroso" (Franceschini).

"Opposizione senza sapere a che cosa?. Se ci sono temi che condividiamo perchè mai dovremmo chiudere ai Cinquestelle?"  (Francesco Boccia).

Intanto Belusconi più gliene dicono più all'angolo non ci sta, peccato che sappiamo non lo faccia per il bene del suo prossimo..... 

Arrigo Antonellini  

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento