sabato 14 aprile 2018

Immagini di sport lughese di "qualche" anno fa

1978 - Motociclismo, Boxe e Atletica in grande evidenza 
di Ivan Rossi

Il Moto Club S. Lorenzo è di nuovo chiamato a organizzare una prova del campionato tricolore (Imola 14 maggio).



Oltre alle competizioni classiche, è inserita anche una prova riservata alla 750cc “internazionale”, le gare Juniores e il Trofeo Laverda. Quest’ultima manifestazione vedrà allineato alla partenza anche il lughese Paolo Ferretti, il promettente atleta diciottenne del Moto Club Baracca.

La vigilia delle gare fu contrassegnata dalle dichiarazioni bellicose dei due probabili protagonisti della 500, Kenny Roberts e il venezuelano (ormai divenuto lughese) Johnny Alberto Cecotto. In pratica però non ci fu sfida in gara, a causa del ritiro forzato dell’americano. Finale invece con polemiche nella 750, per la squalifica di Bonera a vantaggio del pesarese Graziano Rossi. Bella la vittoria di Mario Lega nella 350, mentre la gara delle 125 vedrà al primo posto Massimiani. Ferretti nel Trofeo Laverda, giungendo al terzo posto, consolida la prima posizione in classifica generale, primato che manterrà fino al termine della stagione.

Si susseguono le serate dedicate alla boxe e Damiani è sempre di più in primo piano, ma è ancora Mulas il più gettonato, infatti, si è guadagnato il diritto a combattere per il titolo continentale. Il match, contro il trentottenne Franco Zurlo, programmato in un primo tempo per il 29 giugno nel piazzale del Pavaglione, a causa di un’improvvisa (e sospetta) influenza del detentore del titolo, fu posticipato al 6 luglio. Un combattimento nel quale non basteranno a Mulas la consueta veemenza e la differenza d'età, per sconfiggere il brindisino. Nei sottoclou da rilevare la bella vittoria dell’emergente Valerio Nati (Forlì) sul brasiliano Franca. Mulas dovrà accontentarsi del titolo italiano, conquistato contro Tessarin a Ravenna (negli incontri di contorno da registrare la vittoria di Moia).

Tra i giovani talenti dell’atletica, in grand'evidenza Marina Ravaglia, a soli diciotto anni, dopo la vittoria ai nazionali Junior, giunge 4ª agli assoluti. Purtroppo per una discutibile scelta della Federazione che, in modo del tutto incomprensibile escluderà dalla rappresentativa le prove multiple, l’atleta lughese allenata da Giuliano Rossi, non potrà partecipare ai mondiali Juniores, in Canada. La prima donna dell’atletica lughese vincitrice di un titolo, a causa di un infortunio, sarà poi costretta a limitare l’attività. Un'occasione del genere non le si presenterà mai più.

L’Atletica Lughese fa parlare di se anche in campo maschile, infatti, mentre a Lugo si svolgono le premiazioni della Giornata dello Sport, a Bologna si corre una delle manifestazioni su strada più importanti d’Italia, la “S. Stefano”. Le squadre, di otto atleti ciascuna, si cimentano sul circuito cittadino di 8.600 metri e, tra la sorpresa generale, in quanto al cospetto di società assai più blasonate, la Diemme si aggiudica la classifica finale. Un risultato oltremodo significativo, considerando che la squadra è composta di sette atleti di Lugo e uno di Bagnacavallo, senza quindi l’ausilio di rinforzi provenienti da altre realtà.

Aumentano i praticanti del Nuoto. Da registrare, a livello agonistico, la nascita di una società di Pallanuoto. Promotori del nuovo sodalizio, sostenuti dalla Libertas, alcuni atleti del nuoto puro frequentanti le vasche di via Toscana: Glauco Calderoni, Giovanni Giornelli e Alessandro Jurcovich.

26 Dicembre 1978 - 7 ª GIORNATA DELLO SPORT
Premi speciali

ALFREDO MULAS (Lugo Boxe - Colonia Branchini) Campione Italiano pesi Gallo.

FRANCESCO DAMIANI (ENAL Pugilistica Lughese) Campione Italiano pesi Massimi dilettanti.

MARINA RAVAGLIA (Atletica Diemme) Campionessa Italiana Pentathlon Juniores.

CINZIA GUERRA (Judo Club ENAL) Campionessa Italiana Judo Cat. Speranze.

ELIO RANDI (Tiro a Segno Nazionale) Campione Italiano Vigili Urbani - Pistola Libera.

ROBERTO GIUGNI (Polisportiva Voltana) Campione Italiano Go-Kart.

ROBERTO BALLADELLI (Karatè Club) Campione Italiano rottura mattoni.

GIANCARLO COSTA (A.I.A. Lugo) Arbitro di Calcio promosso serie D.

Premio speciale all’Istituto S. Cuore per la vittoria alla “Festa della Bicicletta”

Ivan Rossi
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento