martedì 3 aprile 2018

La poesia del martedi

Insém


Paröl ch’ a l sôna lènti,
e’ mövar ’d ’na mân,
che un pó la tréma,
vērs un cajcvèl ’d luntân.
Un êtra l’aspèta
coma un pört sicùr,
e a l s incôntra
sènza pió stachê’s.
Arspòst cnunsùdi, aspitêdi,
acumpagnêdi da un surìṡ,
che lènt l’arìva
tra al pig ’d la pël.
Cajcvèl ad vëcc,
una brēṡa
ch’ l’arschëlda incôra,
sota la zèndra ’d j èn.

I s ëlza da la panchéna,
sota e’ stès ëlbar,
coma ogni dè,
trabalênd a un pas lènt,
vērs e’ calê
’d ’na vìta insém.

Pontoni Roberto

Insieme

Parole che risuonano lente, / il muover di una mano, / che, un po’ tremante, / indica qualcosa di lontano.
Un’altra la aspetta / come un porto sicuro, / e si incontrano / senza staccarsi più.
Risposte conosciute, attese, / accompagnate da un sorriso, / che lento arriva / tra le pieghe della pelle.
Qualcosa di antico, / una brace / che riscalda ancora, / sotto la cenere degli anni.

Si alzano dalla panchina, / sotto lo stesso albero, / come ogni giorno, / vacillando a un passo lento, / verso il tramonto / di una vita insieme.

Pontoni Roberto
Poesia finalista alla seconda edizione del premio di poesia CONVIVIUM IN HONOREM

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento