martedì 10 aprile 2018

Un nuovo murale dà il benvenuto in paese

A Bagnara


Il dipinto, intitolato “Caterina: tigre di Romagna”


E stato inaugurato a Bagnara di Romagna il nuovo murale intitolato “Caterina: tigre di Romagna”, collocato su un’ampia parete visibile sul circondario per chi arriva da via Garibaldi, nei pressi della Porta di Bagnara.

Il partecipatissimo brindisi inaugurale è arrivato appena cinque gironi dopo l’inizio dell’opera, realizzata del giovane artista argentino Guido Palmadessa che ha ringraziato la comunità bagnarese per l’apprezzamento nei suoi confronti e l’accoglienza calorosa di questi giorni.

Il murale rappresenta Caterina Sforza, che fu Signora di Bagnara, con una spada in mano. Accanto a lei una tigre e sullo sfondo la Rocca sforzesca, con il loggiato e il mastio che rappresentano i due elementi architettonici del castello legati al suo intervento.

La tigre ricorda il soprannome che le venne assegnato già nelle cronache rinascimentali, cui solo più tardi si aggiungerà quello di “leonessa”, entrambi segno di un carattere forte e coraggioso che le ha permesso di lasciare un segno importante nella storia.

“Questo splendida opera è per Bagnara un elemento che valorizza la nostra storia e la nostra cultura - ha dichiarato il sindaco Riccardo Francone -, attraverso la rappresentazione del personaggio più celebre legato al nostro borgo e della nostra Rocca, proprio nel decennale dell’inaugurazione del Museo del castello; rappresenta inoltre un formidabile strumento di promozione turistica dal forte impatto emotivo”.

Il progetto è stato reso possibile dalla disponibilità dei proprietari della parete, i fratelli Platti, e dal supporto economico dell’Immobiliare Roma Srl e dello studio medico Arniani.




Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento