sabato 12 maggio 2018

Il PD ha fatto vincere ancora una volta anche Berlusconi

E' una costante questa

E' dal "E' tempo che la politica torni ai politici" di D'Alema, che fece cadere Prodi, che è successo più volte, che Berlusconi si sia "mangiato" il Pd.

L'ha fatto anche in questi giorni, con il NO del Pd all'andare al governo, per limitare i danni al Paese dell'esito elettorale.

Berlusconi alla sua veneranda età ha vinto ancora, è lui che ha regalato agli italiani il governo Salvini-Di Maio, che ha evitato agli italiani di tornare a votare in estate.

Fa sorridere il gioco delle parti che fa ora, dire che farà opposizione, questo è solo ciò di cui ha bisogno Di Maio per non farsi bocciare dai suoi elettori, per salvare la faccia.

Esattamente ciò che Di Maio ha imposto a Salvini che Berlusconi dovesse dire per salvare l'impegno preso, cioè che Berlusconi doveva rimanere fuori

Berlusconi il governo lo voleva e ne è l'autore, rimane al centro della politica italiana, avrebbe rischiato una dura legge contro il conflitto di interesse in un governo Di Maio-Pd, avrebbe perso ancora tanti voti si fosse tornati a votare.

Questa cosa del conflitto di interessi mai regolato nemmeno dai governi della sinistra è una roba incredibile, inimmaginabile in nessuna parte del mondo, il capolavoro del cavaliere.

Berlusconi ha vinto avendo perso, gli italiani dalla sua scesa in campo, non l'avevano mai votato così in pochi.

Il come trasformare una sconfitta in una vittoria è il suoi ennesimo capolavoro.  

Mentre c'è chi perde e sparisce, esce di scena e ora sono cavoli nostri tenerci questo governo almeno per cinque lunghi anni.

Questi non se ne vanno più, a Di Maio, a Salvini, a Berlusconi piace troppo stare lì, per di più poi con un'opposizione che sconta la responsabilità di averceli messi lei, lì, al potere.

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

1 commento: