giovedì 3 maggio 2018

Le mancate risposte dell’Amministrazione

Riceviamo da Per la Buona Politica e pubblichiamo

I componenti il gruppo consiliare Per la Buona Politica, in più occasioni, hanno fatto presente all’Amministrazione Comunale che le risposte alle interpellanze e alle interrogazioni presentate, non avvengono nei tempi stabiliti dall’articolo 43 del Regolamento del Consiglio Comunale recante il titolo: “Interrogazioni, interpellanze, mozioni”.


L’articolo in oggetto, al comma 2, dispone che: “Il Presidente del Consiglio Comunale provvederà ad iscrivere all’Ordine del Giorno del Consiglio successivo le interrogazioni, le interpellanze, le Proposte di Ordine del Giorno e le mozioni non parificate alla proposta di iniziativa consiliare; di norma il Consiglio ne discuterà non oltre un mese dalla iscrizione all’ordine del giorno. In caso che ciò non sia possibile il Presidente riferirà sui motivi del ritardo”.

Dall’inizio della consigliatura a oggi, l’Amministrazione Comunale raramente si è attenuta al rispetto dell’articolo 43 mentre, più in generale, ha fornito le risposte nei tempi da essa ritenuti più idonei e non ha mai provveduto, sempre secondo quanto stabilisce l’articolo in oggetto, a motivare in Consiglio Comunale le ragioni dei ritardi. In molteplici risposte, inoltre, si riscontra incompletezza, essendo esse elusive negli aspetti più salienti che sono posti all’esame.

Il gruppo consiliare Per la Buona Politica intende denunciare questo modus operandi che denota, oltretutto, scarsa attenzione e considerazione nei riguardi della attività svolta dal gruppo di minoranza Per la Buona Politica.

Se la maggioranza che compone la Giunta guidata dal sindaco Davide Ranalli non si attiene al rispetto dei Regolamenti Comunali deliberati dall’intero Consiglio, a garanzia di una azione amministrativa improntata ai criteri della efficacia, della efficienza e della trasparenza, d’ora in poi sarà nostro impegno e cura svolgere la funzione di controllo che la legge assegna ai consiglieri comunali, ricorrendo agli organismi previsti dalla normativa in merito alla disciplina sull’operato degli enti locali, affinché gli amministratori siano richiamati al rispetto dei loro compiti e all’osservanza dei regolamenti, da chi è demandato a certificare la legittimità e la correttezza dell’operato degli amministratori.

Di conseguenza, invitiamo il Presidente del Consiglio Comunale, il Direttore Generale del Comune, il Sindaco e la Giunta a fornire, prima della prossima seduta di Consiglio Comunale, la risposta alle interpellanze e alle interrogazioni ancora giacenti e aventi superato i termini fissati dall’articolo 43 del Regolamento del Consiglio Comunale.

In caso di ulteriore inadempienza, provvederemo ad adire alle tutele che la legge consente in detti casi.

Gruppo consiliare Per la Buona Politica – Davide Aleotti, Roberto Drei, Silvano Verlicchi 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento