venerdì 27 luglio 2018

Dalla Regione Emilia Romagna nuove disposizioni per garantire maggior sicurezza

Riceviamo dal consigliere regionale del Pd Mirco Bagnari 

“Dopo i casi di maltrattamenti emersi all'interno di case famiglia era urgente predisporre uno strumento normativo chiaro e con meccanismi di controllo rigorosi per evitare il ripetersi di vergognosi abusi su soggetti indifesi come anziani e disabili.”



Con queste parole il Consigliere Mirco Bagnari descrive l’emendamento al collegato alla Legge di Bilancio che di fatto fissa precisi paletti nell’avvio e gestione di tali strutture.

Le case famiglia, che proprio nella nostra Regione stanno facendo registrare un vero e proprio boom (500 strutture in tutto il territorio regionale per un totale di 2.700 persone assistite) sono luoghi a bassa intensità assistenziale che possono accogliere fino ad un massimo di sei ospiti e possono rappresentare un’importante realtà di sostegno ai servizi di welfare domiciliari di tutta la Regione.

“Attualmente le case famiglia sono strutture di iniziativa privata e la mancanza di normative stringenti (a parte alcuni Comuni che hanno voluto dotarsi in anticipo di un regolamento, come ha fatto per esempio il Comune di Ravenna) non ha certo aiutato a prevenire abusi e maltrattamenti, fenomeni odiosi di violenza e incuria commessi sulla pelle di anziani e disabili. 

Per questo abbiamo voluto utilizzare la prima opportunità legislativa per emanare nel più breve tempo possibile un atto normativo particolareggiato per regolare il settore e ho sottoscritto insieme al collega Paolo Zoffoli, presidente della commissione politiche sociali e per la salute, uno specifico emendamento per chiedere più garanzie ai gestori introducendo una serie di criteri strutturali ma anche soggettivi (assenza di condanne penali da parte dei gestori) e imponendo che (diversamente dall’attuale semplice comunicazione entro 60 giorni dall’avvio dell’attività) i gestori possano avviare l’attività solo dopo avere depositato una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) consentendo così un maggiore e migliore controllo da parte degli enti pubblici.

“Ulteriore aspetto che penso vada sottolineato – spiega ulteriormente Mirco Bagnari – è lo sviluppo di un sistema informativo ad hoc che aggiornerà periodicamente l’anagrafe regionale delle case famiglia, in modo da avere sempre un quadro aggiornato e trasparente sulla qualità delle strutture, ma soprattutto sui livelli di assistenza offerti ad anziani e disabili.”

“Questo nuovo provvedimento- conclude il consigliere PD - insieme alle linee guida regionali frutto di confronto con Anci Emilia-Romagna, consentono di garantire, in modo omogeneo in tutti i contesti territoriali, qualità e sicurezza del servizio prestato, rafforzando i controlli, promuovendo liste qualità per tutte le strutture e valorizzando le buone esperienze per evitare il ripetersi di episodi di maltrattamenti e violenze.

Ufficio Stampa Gruppo Partito Democratico – Assemblea Legislativa Emilia-Romagna
Tel. 051. 527.5623/ www.gruppopdemiliaromagna.it
facebook.com/gruppopdemiliaromagna
twitter.com/gruppopder

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento