venerdì 20 luglio 2018

Proseguono gli interventi per il recupero del Ridotto del Teatro Goldoni di Bagnacavallo

Riceviamo e pubblichiamo


Mentre sta procedendo la parte di lavori relativa alle opere murarie, il portico del teatro è stato ridipinto con i colori originari della metà dell'Ottocento (il Goldoni venne inaugurato nel 1845), in accordo con la Soprintendenza. 





Sono inoltre cominciate le opere di rifacimento degli impianti elettrici - che riguardano, oltre al ridotto, l'intero teatro - e quelle per l'installazione di un ascensore, l'adeguamento degli impianti antincendio e di allarme e il miglioramento dell'impianto termico.

Per quanto riguarda le opere murarie, la rimozione di diverse tramezzature realizzate nei decenni passati renderà fruibile il grande locale rettangolare centrale come spazio per rappresentazioni con il pubblico. In generale poi tutti i locali del terzo piano sono sottoposti a ristrutturazione con interventi mirati, le opere di finitura e la ripavimentazione laddove necessarie.

L’importo complessivo dei lavori, la cui conclusione è prevista entro l’autunno, è di circa 540.000 euro. Le opere sono finanziate per la metà nell'ambito del Bando per progetti di qualificazione di beni ambientali e culturali (ex Por Fesr Regione Emilia-Romagna 2014-2020) – Asse 5 “Valorizzazione delle risorse artistiche, culturali ed ambientali”. Il finanziamento è stato ottenuto grazie al progetto Bassa Romagna Experience: Progetto integrato di riqualificazione del patrimonio culturale a fini di promozione turistica, presentato in forma associata dai Comuni di Bagnacavallo, Fusignano e Lugo. Il progetto è inoltre sostenuto attraverso lo strumento dell’Art Bonus da Romagna Acque-Società delle Fonti.

Il Ridotto del Teatro Goldoni è stato fin dagli inizi del ventesimo secolo sede di uffici pubblici e ora, nell’ambito di una riorganizzazione logistica generale, si restituiranno i locali alla loro funzione originaria, inserendoli a pieno titolo fra gli spazi pubblici destinati ad attività culturali.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento