giovedì 12 luglio 2018

Troppo pochi i parti a Lugo

Allarme dai medici non dalla politica



Un comunicato ovviamente tecnico dei nostri medici riporta dati e informazioni che in sostanza evidenziano come sia "percoloso" partorire a Lugo e a Faenza specie per i parti cesarei.

Un tema che era anche già fortemente emerso nel periodo delle polemiche sulla presenza all'ospedale di Lugo della pediatria, 24 ore su 24. Era ovvio, gli amministratori dell'Ausl lo sanno bene, che i due temi sono strettamente correlati

Già, i medici, i tecnici quindi, intervengono su un tema, la Sanità Pubblica, dove le responsabilità, il governo, devono essere tutte della politica: si sta parlando della sanità pubblica!.

Quando ero dirigente della PA mi era vietato, dalla politica, dagli amministratori, di rilasciare dichiarazioni alla stampa, rivolgermi direttamente ai cittadini attraverso i giornali; altri tempi?

Ma è anche vero che lavoravo in un Ente Locale, non in un'Azienda, l'Ausl appunto, così come la politica ha voluto che si chiamasse la gestione della Sanità Pubblica.

Ora la "frittata" è fatta. 

Ora i cittadini, le cittadine, lo sanno, che se i parti a Lugo come informano i medici sono calati tantissimo generando un calo nella professionalità e un sovracarico di lavoro a Ravenna, che a Lugo è pericoloso e adesso di quanto caleranno ancora, dopo che sono gli stessi medici a dire: "Se lo fate da noi a Lugo è pericoloso".

Aspettiamo che chi governa la Ausl per conto nostro, per mandato a farlo ricevuto da noi con il nostro voto, si esprima in merito, ma soprattutto dica cosa intende fare da subito.

O smentisce i medici affermando che rischi non ce ne sono o fa in modo, da subito appunto, che i rischi vengano superati, dicendoci quando questo sarà successo.

Questa cosa poi nei documenti del nato, nata, a Ravenna e non a Lugo non piace proprio, Lugo non è mica un borgo, una frazione.

Vero che occorrano professionalità, costose attrezzature, ma sono centomila i romandioli e tra l'altro essere vicini alla partoriente e al tesoro appena nato, costa anche.

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento