sabato 18 agosto 2018

Venti famiglie non vogliono i funerali di Stato

Lo sport doveva fermarsi !



Chi avrebbe piacere che il funerale di un suo caro fosse organizzato dal responsabile della sua morte e per di più diventando un numero insieme ad altri?

E' dello Stato la responsabilità che un ponte non crolli, non importa il modo in cui debba garantirlo, non serve che scarichi la colpa su altri.

Con questa cosa delle esternalizzazioni, delle concessioni per le gestioni si finisce allo "scarica barile", le strade, come le ferrovie, sono servizi pubblici e la loro sicurezza è responsabilità dello Stato.  

I familiari hanno parlato di "Omicidio di Stato".

Il Cardinale Bagnasco: "La scelta delle famiglie di dicasette vittime di funerali privati deve far meditare!"

Il cardinale Sepe alle esequie dei quattro amici di Torre del Greco: "Non si può morire per incuria, negligenza".

Per don Massimiliano Moretti, parroco di Genova che sta dando il suo sostegno ai familiari delle vittime la decisione di alcuni di loro di rifiutare le esequie di Stato è segno di "una fortissima disaffezione verso la politica. E questo è un campanello d'allarme forte e chiaro che deve arrivare ai nostri politici. E' necessario che la politica riprenda in mano il governo del Paese, un Paese che soffre, e che si attrezzi a convergere sul bene comune, senza continuare a fare campagna elettorale".

Ci sono anche tanti non italiani, anche extracomunitari tra morti e feriti, sono venuti a casa nostra fiduciosi, altri governi faranno indagini, vogliono sapere, vergogna.

Ancora il cardinale Bagnasco ha giustamente sottolineato la necessità di avere fiducia, di dare fiducia, non è con il mettere al rogo i responsabili, semmai si arriverà ad avere certezze nell'individuarli, come sta urlando Salvini, ma dando certezza che non possa più succedere, e per questo evirare i responsabili serve a poco.  

Oggi è giorno di lutto nazionale ma tanti saranno allo stadio, i giocatori daranno "spettacolo".

Nonostante che i tifosi del Genoa e della Sampdoria (squadre che ovviamente non giocheranno) siano italiani come noi, frequentino i nostri stadi durante l'anno, ce li troviamo vicini, lo spettacolo continua !

Su una bara c'è la bandiera del Genoa.

I giocatori del Genoa e della Sampdoria sono insieme ai funerale, i loro colleghi daranno invece spettacolo.

Allegri ed Ancellotti hanno dichiarato "Ci aderiamo alle decisioni della Lega", ma la Lega di chi è?

Ci stava non giocare ugualmente nonostante l'inumana decisione della Lega, a volte ci può essere qualcosa di più forte dell'ubbidire, dal rompere l'unanimità, sarebbe stato "interessante" vedere Juve o Napoli perdere il campionato per i punti di penalizzazione !? 

Avremo le immagini delle feste dei gol, insieme a quelle dei funerali di Stato. 

Lo spettacolo deve continuare?? 

No, business is business ! 

Non ci saranno le solite stupide righe dello "juventino scoppiato" oggi, guarderò i servizi sui funerali. non ho mai perso una partita della juve da quando ho sky, cioè da sempre.

Li chiamano volontari, i volontari della Protezione Civile. Ma sono davvero volontari? Si stanno facendo il cul....anche rischiando, gratuitamente, invece che faccia tutto lo Stato?

Dopo magari saliranno su un treno che deraglia !

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento