lunedì 20 agosto 2018

Festival dei Beni Comuni

A Brisighella, all'"estero", ma ci piace un casino



Bene Comune” vuol dire coltivare una visione lungimirante, vuol direinvestire sul futuro, vuol dire preoccuparsi della comunità dei cittadini, vuol dire anteporre l’interesse a lungo termine di tutti all’immediato profitto di pochi, vuol dire prestare prioritaria attenzione ai giovani, alla loro formazione e alle loro necessità.


Vuol dire anteporre l’eredità che dobbiamo consegnare alle generazioni future all’istinto primordiale di divorare tutto e subito. (Salvatore Settis).

L’Associazione “ Brisighella Bene Comune “ è un’associazione culturale sorta allo scopo di ravvivare ed accrescere la partecipazione diretta dei cittadini alla vita democratica del territorio, rivitalizzare il rapporto tra la comunità e gli amministratori attraverso la realizzazione di progetti di interesse collettivo, impegnarsi nella difesa e sviluppo dei Beni Comuni quali: acqua, suolo, ambiente, beni sociali, artistici e culturali.

Coerentemente a quest’ ottica ed in continuità con la positiva esperienza nel 2015 del primo Festival dedicato al tema del Suolo, si è condivisa l’idea di promuovere, con il Patrocinio del Comune di Brisighella, in collaborazione con la Pro Loco, il Circolo Legambiente Lamone, Rete Rifiuti Zero ed altre Associazioni del territorio, nel mese di settembre , nelle giornate di sabato 15 e domenica 16, una nuova edizione del Festival dei Beni Comuni dal titolo : “Il Resto di Troppo” Ridurre, Recuperare, Ripensare per Conoscere, Difendere e Migliorare.

Il Festival sarà incentrato sul tema della gestione dei rifiuti e dei suoi impatti sulla vita sociale, ambientale ed economica dei cittadini.

Gli incontri in programma nelle due giornate vedranno avvicendarsi autorevoli esperti della materia impegnati non solo a chiarire ed approfondire questa complessa tematica, , ma anche, attraverso le testimonianze di singoli Cittadini, Associazioni e dei Comuni più Virtuosi ad orientare concretamente ed indicare le migliori soluzioni utili adottabili.

Nel corso delle due giornate saranno inoltre realizzati eventi di carattere artistico, quali mostre, spettacoli ed esibizioni musicali a tema, che faranno da contorno ai vari momenti di approfondimento. A tale riguardo , la prima giornata, sarà caratterizzata da un suggestivo intervento di Francesco Gesualdi sull’attuale sistema economico da ripensare e rimodulare in una chiave più a misura d’uomo, intervento da considerare, per le sue peculiarità, introduttivo e propedeutico al tema più specifico che verrà successivamente trattato in quanto investe anche il problema della riduzione della produzione dei rifiuti, nonché del consumo di risorse.

Si entrerà poi finalmente nel vivo della questione con un dibattito, al quale ci auguriamo partecipi attivamente anche il pubblico presente, che avrà come focus la gestione dei rifiuti nella nostra Regione e nel nostro territorio: al centro della discussione in particolare i percorsi avviati o ancora da mettere in atto per il conseguimento dei risultati prefissati in materia di raccolta differenziata.

Ridurre, Recuperare, Ripensare è il sottotitolo scelto per il Festival, che racchiude e delinea le direttrici di pensiero ed azione entro cui indirizzare una più efficace ed efficiente gestione delle tematiche oggetto del Festival, coerentemente alle logiche di conoscenza, difesa e miglioramento che ispirano le iniziative del Comitato.

Il tema del “Ridurre” prenderà in considerazione, domenica 16, anche la questione dello spreco alimentare, un fenomeno sociale intollerabile e non più rimandabile in termini di soluzione, specie alla luce delle recenti Direttive Europee del Circular Economy Strategy che ne prevedono una sensibile riduzione entro il 2030.

Proseguendo nel percorso delle tre parole chiavi, il concetto del “Recupero” verrà affrontato mediante il racconto delle interessanti esperienze dei Centri di Riuso e di Scambio di Materiali, divenuti anche, in alcuni casi, veri e propri centri di aggregazione culturale e di sviluppo per il territorio di competenza.

Relativamente al “Ripensare” analizzeremo, infine, il problema dei monopoli nella gestione dei rifiuti, monopoli che tendono di fatto a limitare i possibili vantaggi economici che potrebbero derivare ai cittadini dall’adozione di un sistema concorrenziale, anche per quanto concerne l’effettivo riciclo dei multimateriali e del loro utilizzo.

Nel complesso l’iniziativa dovrà comunque tradursi in un impegno concreto a far sì che la gestione dei rifiuti, alla luce anche degli sfidanti obiettivi fissati entro il 2020 dal Piano Regionale e dalla strategia UE sull’economia circolare, diventi effettivamente una risorsa e non costituisca più un problema.

Associazione Brisighella Bene Comune
Contatti:
Andrea MALAVOLTI (Presidente): tel. 0546/86195 oppure 3284603740 az.pedrosola@gmail.com
Andrea GORI : tel. 335/8339770 and.kat@alice.it



Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento