giovedì 30 agosto 2018

La gestione dell'illuminazione pubblica

Il progetto di Hera per l'efficientamento energetico

In merito a quanto affermato dal consigliere regionale Andrea Liverani sulla gestione dell’illuminazione pubblica nel comune di Lugo, l’Amministrazione comunale sottolinea quanto segue.


Hera Luce è il soggetto promotore di un progetto per il servizio di gestione, manutenzione, efficientamento energetico e riqualificazione degli impianti di pubblica illuminazione del Comune di Lugo, il quale prevede che i costi di manutenzione siano azzerati per l’ente pubblico a fronte degli utili ottenuti dal risparmio e dall’efficientamento energetico degli impianti. 

Come indicato nella Delibera di giunta numero 137 del 17 agosto 2018 e nella delibera del Consiglio comunale numero del 23 agosto 2018, sarà fatta una gara con procedura aperta a rilievo comunitario, così come previsto dalla legge.

Come previsto dall’Articolo 183 comma 15 del Codice degli appalti Dlgs. 50/2016, il promotore di un progetto ha unicamente il diritto di prelazione, ovvero di potersi aggiudicare l’appalto a parità di offerta al ribasso rispetto alla concorrenza.

“Le affermazioni del consigliere Liverani denotano una sorprendente mancanza di conoscenza non solo di quanto avviene nella nostra città, ma delle leggi che regolamentano gli appalti - ha dichiarato il sindaco Davide Ranalli -. 



Ciononostante, ha scelto di affidare alla stampa affermazioni mendaci riguardo al nostro operato. 

Un atteggiamento lesivo, non tanto nei confronti dell’Amministrazione comunale, quanto di tutti i lughesi, che hanno il diritto di essere informati con correttezza e onestà da parte dei loro rappresentanti, specie riguardo a un’operazione che potrà portare ingenti risparmi alle casse comunali, a vantaggio di ulteriori progetti di riqualificazione del patrimonio pubblico

Il consigliere Liverani non è nuovo ad affermazioni prive di fondamento; fare il consigliere regionale implica conoscenza del territorio, capacità di lettura e comprensione degli atti: le sue esternazioni dimostrano il contrario, ci interroghiamo sul suo operato”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento