giovedì 30 agosto 2018

Ma dove stiamo andando?

Non ci siamo. Non c'è
di Arrigo Antonellini

Chi era costui?
Non c'è, neanche adesso c'era, è appena finito  il TG e lui non c'è, il Capo del Governo. 

Non abbiamo mai vissuto un agosto tanto ricco di politica, mi sparo tutti i TG per ragioni di lavoro, ma il Capo del Governo non c'è mai ! Ad una certa età si perde la memoriia, qualcuno mi ricorda come si chiama?


Ci sono sempre loro due, ma non come amministratori ma come capi di partito, in perenne campagna elettorale.

Il Paese è sempre più spaccato in due, l'esatta fotografia sono le manifestazioni delle due opposte fazioni davanti alle camere dei cento da poco torturati, e stuprate, in Libia. 

La domanda è sempre quella, cosa aspetta ancora il primo partito dell'opposizione a battere un colpo, presentare una proposta di contratto aperto a tutti, prima fra tutti a Di Maio, con il preambolo del passo indietro  e della rottamazione, a tutti i livelli, che ci fece vincere con Prodi, il passo avanti della società civile e con Renzi, la rottamazione?

Basta una parola per vincere, non lunghi programmi; l'Ulivo stiamo tutti insieme (Prodi), un milione di posto di lavoro e via l'Ici (Berlusconil), la rottamazionei (Renzi), difendiamo i confini (Salvini),  mandiamoli tutti a casa, ribaltiamo il calzino (Di Maio).

In nessun sondaggio, una delle due metà, quella salviniana, ha il 51 per cento.

Ma il tema è, cosa c'è prima, il servizio agli italiani, i valori, o i caz...propri?

Arrigo Antonellini  

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento