martedì 18 settembre 2018

La poesia del martedì

Rispir

L’ultum rispir, stil, alzir

coma na foia cla chescha

L’ultum rispir, da babina.

A m in so adëda

c am muv coma te,

a peis coma te,

a scorr coma te.

Stasera in sdè in se lët,

am tir ae pêt al znocia,

a dondal pianei pianei.

E e spiasè us indurmeita.

Adeas tcì deitar a me

coma me a fò deitar ad te.

E a rispirei insei. Par sempar. 


Lucia Baldini

Respiro

L’ultimo respiro, sottile, leggero / come una foglia che cade./ L’ultimo respiro, da bambina. / Mi sono accorta che/ che mi nuovo come te,/ penso come te/, parlo come te./ Stasera a sedere sul letto/ mi tiro le ginocchia al petto,/ dondolo piano piano. / E il dolore si addormenta./ Adesso sei dentro me / come io fui dentro te./ E respiriamo insieme. Per sempre

Poesia seconda classificata al concorso Antica Pieve di Forlì; premiazione domenica 16 settembre 2018

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento