mercoledì 19 settembre 2018

Quando la toppa è peggio del buco....

Riceviamo dal M5S e pubblichiamo    

La società Hera è stata per molti anni presente sul nostro territorio con punti di ascolto ai Cittadini. In particolare dal 2008, l'allora servizio clienti di via Mazzini 19/a si trasformò nel nuovo "Sportello Amico" attivo all'interno dell'Agenzia Unipol di Piazza Gramsci ad Alfonsine ampliando considerevolmente gli orari di apertura al pubblico, fino ad allora limitati alla sola giornata del lunedì.
Questa la situazione sino a quando Hera ha comunicato la chiusura peraltro annunciata da tempo dello sportello di Alfonsine in Piazza Errani a partire dal 1 febbraio 2018, valutando secondo i comunicati dell'azienda soluzioni per limitare i disagi per i cittadini.

Da questo momento per molti cittadini i disagi non si sono per nulla limitati, ma altresì resi evidenti nelle toppe che venivano messe per compensare un disservizio pagato a caro prezzo con le nostre tasche.

Le azioni messe in campo per limitare i disagi furono l'arrivo di un camper ad Alfonsine in piazza Gramsci, tale iniziativa annunciava Hera in pompa magna alla stampa: "è un’ulteriore opportunità di dialogo e vicinanza offerta da Hera ai suoi clienti che rende più facile sbrigare le pratiche relative ai servizi offerti. Presso lo sportello itinerante sarà infatti possibile effettuare tutte le operazioni contrattuali e commerciali tipiche di un normale sportello, stipulare contratti, modificare quelli già esistenti, richiedere informazioni sulle bollette e ricevere informazioni sui servizi gestiti nel territorio, ottenere consulenza ed assistenza, conoscere e sottoscrivere le offerte a mercato libero per la fornitura di energia elettrica e gas".

Purtroppo la realtà è spesso ben diversa, questo servizio tanto sbandierato, non ha avuto a parte alcune date iniziali nessun tipo di programmazione sul nostro territorio, con notizie discordanti quando contattando il gestore sulla questione si palesava una totale mancanza di informazione sulle prossime date del camper da comunicare alla cittadinanza, con dichiarazione degli stessi operatori interpellati telefonicamente di una cessazione del servizio itinerante sul nostro Comune.

Poco male a nostro avviso, ben altre devono essere le soluzioni messe in campo da una azienda che ha chiuso il 2017 con un fatturato pari a 6,14 miliardi di euro, in aumento del 10,3% rispetto ai 5,56 miliardi dell’esercizio precedente. Dove il margine operativo lordo è stato pari a 984,6 milioni di euro, in aumento del 7,4% rispetto ai 916,6 milioni del 2016, mentre l’utile operativo si è attestato 479,3 milioni di euro, in miglioramento del 4,9% rispetto ai 457,1 milioni del 2016. Un utile netto di 266,8 milioni di euro, in significativo aumento (+21,1%) rispetto ai 220,4 milioni dello scorso esercizio che sulla base di questi conti il consiglio di amministrazione, ha deciso di proporre all’assemblea dei soci un dividendo 2018, a valere sui conti 2017, di 9,5 centesimi per azione.

Risultava peraltro per noi inaccettabile che i Cittadini tutti, in particolare persone anziane, con difficoltà deambulatorie, che utilizzano ausili o con problemi in spazi chiusi e ristretti dovessero fare la fila in piedi sotto il sole, salire i ripidi gradini di una porta di un camper larga appena 50 cm per discutere questioni legate a servizi ed utenze pagate salatamente ad un gigante come Hera che muove miliardi di euro, in barba al rispetto e la dignità delle persone che non sono solamente un codice cliente in bolletta.

Finalmente tutti con un sospiro di sollievo dopo che l'amministrazione comunale dicesi adoperata tramite il gestore per trovare una soluzione all'annosa situazione venutasi a creare, quando arriva l'annuncio da parte di Hera di aprire dopo ben 5 mesi di assenza lo sportello Amico in data 16 Luglio nella nuova sede in Via Martiri della Libertà 24, tutti felici, ma di breve durata quando la toppa risulta peggio del buco come in questo caso.

Hera anche in questo caso rilascia dichiarazioni pubbliche: "Il nuovo sportello clienti si presenta come la concretizzazione della vicinanza al cliente anche in zone che non sono grandi centri urbani ma che allo stesso tempo rappresentano aree vaste e popolate. A disposizione dei clienti, dunque, la maggiore fruibilità del servizio legata non solo alla vicinanza ma anche a comodi orari di apertura al pubblico che permettono di ridurre i picchi di affluenza e di renderli più omogenei durante l’arco della settimana. L’obiettivo perseguito da Hera è infatti quello di offrire una presenza ed un supporto sempre più attenti alle esigenze dei clienti, a partire dalla disponibilità oraria.", detto questo nella realtà dei fatti il nuovo sportello Hera di Alfonsine è un bugigatttolo, senza servizi, senza privacy, senza spazio decente di attesa, senza le condizioni minime di lavoro degli operatori costretti a chiudere l'ufficio se devono andare in bagno a meno che non li abbiano scelti da curriculum per una vescica extra forte.

Abbiamo fatto presente in Consiglio comunale questa situazione portando un nostro Ordine del Giorno proprio per dare forza e sostegno a questa amministrazione, evidenziando quanto questa società a maggioranza pubblica sia sfuggita totalmente al controllo degli enti locali stante ne detengono le quote azionarie. Ma come spesso già accaduto in questi anni, il PD ha "frainteso" quanto da noi scritto, rigettatando al mittente la nostra mano tesa in maniera stizzita, ancor più tacciandoci di strumentalizzare su una questione che per loro è stata risolta al meglio da parte di tutti.

A ben vedere un ufficio, senza servizi igienici, senza privacy, senza spazi minimi, (con tutti i locali vuoti e sfitti che abbiamo ad Alfonsine che potevano sopperire al meglio le esigenze dei cittadini), per la maggioranza PD alla guida della Città delle Alfonsine è il massimo della vita. In questo caso calza proprio a pennello un famoso detto Catalano: "ci pisciano in testa e ci dicono che piove ... (e noi ci crediamo ancora ?)

Stefano Gemignani
Capogruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Alfonsine

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento