mercoledì 31 ottobre 2018

C'era una volta il Re della Vittoria

Riceviamo da Mauro Antonellini e pubblichiamo

Vittorio Emanuele è stato dipinto come uomo impenetrabile dalla testa chiara, ma dal cuore freddo. 







Per alcuni è stato un incapace, privo di carattere, fragile e codardo; per altri invece un progressista con grandi capacità di giudizio, intelligente ed onesto. 

Probabilmente sono esistiti entrambi: e non è detto che andassero d’accordo, anzi. 

C’è stato un Vittorio positivo e c’è stato Emanuele negativo. Ma il primo è stato sopraffatto dal secondo. 

Rileggere un po’ della sua storia personale è anche una chiave per capire meglio il soggetto e la nostra storia, un terzo della quale trascorsa sotto il suo regno.

Mauro Antonellini
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento