sabato 13 ottobre 2018

Ci sono quelli che hanno una marcia in più

Parlo di Juventus ovviamente



Ma non della squadra, non di Ronaldo ma di Andrea Agnelli.

Già nel 2014, dopo aver vinto il terzo scudetto consecutivo  alcuni soci si erano lamentati  chiedendo durante un'assemblea degli azionisti perché la società non inseguisse sul mercato nomi importanti.


Pare che fu in quell'occasione che Andrea Agnelli rispose sottolineando come i tempi per certi acquisti non fossero maturi ma assicurando che continuando il percorso di crescita intrapreso fin dal suo arrivo, nell'arco di cinque anni la Juventus avrebbe potuto acquistare anche un calciatore forte come Cristiano Ronaldo, riferendosi al portoghese come uno dei migliori al mondo.

Adesso, dopo soli quattro anni dopo, CR7 è davvero un giocatore bianconero: ci sarà tempo per discutere se sarà stato un affare vero, forse soltanto il tempo potrà dare una risposta insieme al campo, da sempre unico giudice nel calcio e che ci dirà se il portoghese, dopo aver raccolto da avversario gli applausi dello Stadium in seguito a un gol di rovesciata entrato nella storia, saprà farlo anche da protagonista, alzando quella Champions League da tempo obiettivo primario della Juventus.

Ma certo è che la profezia di Andrea Agnelli si è avverata: Cristiano Ronaldo veste il bianconero, spartiacque tra la vecchia Juventus, che ha dovuto pazientemente e faticosamente crescere, e quella nuova, ambiziosamente proiettata verso un futuro nell'elite del calcio europeo. 

Attualità, Marotta, a proposito di chi ha una marcia in più. Se ne va perchè dopo aver dato attuazione all'ambizione di Agnelli di quattro anni, preceduta due anni fa da Higuain, di più non può più fare o perchè lo mandano via perchè toglile luce ad Agnelli che la luce la vuole tutta per sè?

O perchè ha giudicato l'indebitamento per l'acquisto di Ronaldo eccessivo?

Su questo parole illuminanti le ha dette Walter Veltroni, l'Azienda Juve non può non crescere, oggi quando non si cresce, ci si ferma, si "fallisce", la stragrande maggioranza dei tanti binbi cinesi deve avere la maglia numero 7 della Juve e i primi dati gli stanno dando ragione.

Ma quanto cambia in fretta il mondo da qualche tempo a questa parte?

Quanto più in fretta ancora cambierà tra cinquant'anni? 

Con lo juventino scoppiato anche lui, il dott. Claudio Capra che mi ha dato la dritta sulla profezia di Andrea Agnelli, ci siamo detti che peccato, noi non ci saremo....ma ci siamo consolati dicendoci che però è sempre più un gran casino...

Lo juventino scoppiato 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento