lunedì 15 ottobre 2018

Due Ranalli?

Quella che viene chiesta è una continuità



Chiunque leggesse le dichiarazioni pubblicate ieri su "Il Resto del Carlino" e non ne fosse a conoscenza, avrebbe la convinzione che si tratti di una novità, di una persona nuova che si candidi ad amministrare una città.

I lughesi invece ovviamente sono interessati a sapere, prima di tutto, cosa del suo programma Ranalli, sindaco da quasi cinque anni fa, ritiene di non essere riuscito a fare e per quali motivi, quali cose vorrebbe confermare tra quelle non fatte e quali novità vorrebbe realizzare nei prossimi cinque anni.

Certo il tema delle domande era come definire il programma con una sua forte propensione all'ascolto, ma qui il tema è scottante perchè in una posizione di ascolto, il primo passo non può non essere che quello sulla scelta primaria, quella del candidato, della persona, sicuramente ancora prima della scelta delle cose da fare.

Da sempre si sa che sono le persone  dare gambe alle idee, ai progetti.  

Intanto anche in Baviera, in Germania cambia il corso della storia della politica con le prime proiezioni di voto che fanno emergere il doppio drammatico crollo della Csu (dal 47,7% del 2013 al 35,3% -12,2%) e dell’Spd (da 20,6% a 9,9% -10,6%)

La Germania con la Romagna Estense? Perchè no, l'aria che tira pesa, ovunque nelle democrazie europee, il vento ha tirato forte a Imola; e le persone, le poche che votano, cercano novità oggi. 

Arrigo Antonellini  


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento