sabato 22 dicembre 2018

Il 74° anniversario della Liberazione di Bagnacavallo

Riceviamo e pubblichiamo


Il 74° anniversario della Liberazione di Bagnacavallo è stato celebrato  nell’ambito del programma di iniziative promosse da Comune, Comitato Permanente Antifascista e Consigli di Zona.



Dopo la messa delle 9.30 presso il Sacrario dei Caduti si è formato un corteo per la deposizione di una corona al monumento ai Caduti in piazza della Libertà, dove dalle 10 si sono tenuti il saluto del sindaco Eleonora Proni e i canti degli alunni dell’Istituto Comprensivo Berti, che poi hanno lanciato in aria palloncini con scritto Viva la pace e dai quali pendevano biglietti realizzati sempre dai ragazzi sui temi della fratellanza e della pace.

L’iniziativa si è svolta in collaborazione con l’Istituto comprensivo di Bagnacavallo, il gruppo comunale della Protezione civile, il Gruppo alpini, le associazioni combattentistiche e quelle di volontariato, in particolare Anpi, Aido e Avis che assieme hanno donato i palloncini.

I canti dei ragazzi sono stati diretti da Patrizia Betti e Cecilia Ottaviani della scuola comunale di musica Doremi e dai professori Roberta Xella e Alberto Martuzzi della scuola secondaria di primo grado.

A chiudere il calendario delle celebrazioni sarà, domenica 23 dicembre, Masiera, con la celebrazione della messa alle 9 e il successivo corteo per la deposizione delle corone ai monumenti ai Caduti.

La mostra Leggi razziali fasciste (1938) – Alle origini del razzismo in Italia, allestita da Anpi Bagnacavallo presso la Sala di Palazzo Vecchio, sarà visitabile sabato 22 dalle 16 alle 18. Ingresso libero.

Per informazioni:
www.comune.bagnacavallo.ra.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento