lunedì 31 dicembre 2018

Il messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace

Non sono sostenibili i discorsi politici che tendono ad accusare i migranti di tutti i mali e privare i poveri della speranza



Per le comunali votiamo ogni cinque anni, ci siamo, il 2019 è l'"anno bono".

I freddi numeri, che non sono opinabili nemmeno per la politica, dove tutto si dice e tutto si nega, dimostrano che è il voto più importante, più incidente sul risultato finale, perchè il numero di chi decide è il più basso.

Ma anche perchè molto della qualità della nostra vita dipende dalla scelte della persona che porta la fascia tricolore.

Facciamoci l'augurio che chi lo farà condivida le "beatitudini del politico" riproposte da Papa Francesco nel suo messaggio di domani.

"Beato il politico che ha un'alta consapevolezza e una profonda coscienza del suo ruolo.

Beato il politico la cui persona rispecchia la crediblità.

Beato il politico.

Beato il politico che lavora per il bene comune e non per il proprio interesse.

Beato il politico che si mantiene fedelmente coerente.

Beato il politico che realizza l'unità.

Beato il politico che è impegnato nella realizzazione di un cambiamento radicale.

Beato il politico che sa ascoltare.

Beato il politico che non ha paura.

Ogni scadenza elettorale costituisce un'occasione per tornale alla fonte e iai riferimenti che ispirano la giustizia e il diritto.

La Buona Politica promuove la partecipazione dei giovani e la fiducia nell'altro".

A  cura del direttore

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento