venerdì 14 dicembre 2018

Il sindaco ha incontrato i pendolari

Riceviamo da comunicazione@consenso.srl e pubblichiamo

«Siamo vicini ai tanti pendolari che quotidianamente utilizzano il treno per raggiungere il luogo di lavoro o il proprio istituto scolastico». 


Davide Ranalli interviene nuovamente sulla questione Trenitalia dopo l’entrata in vigore dei nuovi orari dei treni che proprio in questi giorni i cittadini lughesi e del territorio circostante stanno testando sulla loro pelle con i primi disservizi e ritardi.

Dopo i primi incontri in Regione, Davide Ranalli, insieme al consigliere regionale Mirco Bagnari, si è recato giovedì 13 dicembre in stazione a Lugo, alle prime luci dell’alba, per parlare con i pendolari e capire in prima persona quali siano le loro difficoltà attuali.

«È fondamentale che tutte le parti in causa comprendano appieno le esigenze dei cittadini - dichiara Davide Ranalli -. Regione e Trenitalia devono prendere atto dei disagi emersi e modificare gli attuali orari entrati in vigore da pochi giorni. Abbiamo certamente rilevato degli elementi positivi dopo i primi incontri, ma non possiamo negare il fatto che si siano già registrati molti disagi, in particolare per i pendolari di ritorno da Bologna e per gli studenti che ogni giorno devono raggiungere le scuole di Lugo, magari scelte anche in base ai collegamenti presenti al momento dell’iscrizione».

«Stiamo parlando di qualità della vita - sottolinea ancora Davide Ranalli -. Raggiungere i luoghi di lavoro o tornare a casa alla sera con quindici, venti minuti di ritardo ogni giorno non è un elemento marginale per le persone che si trovano costrette a cambiare abitudini, impegni e appuntamenti, perché stiamo parlando di tempo tolto agli affetti e sprecato in attese che prima non c’erano».

La situazione continuerà a essere monitorata: «Nelle prossime settimane chiederemo ancora alla Provincia di convocare un tavolo con Regione Emilia-Romagna e Trenitalia per capire lo spazio per modificare gli attuali orari e continueremo a parlare con i pendolari per capire come raggiungere un obiettivo comune».

Tutti i cittadini possono esprimere la loro opinione anche attraverso i canali già attivati per “Non io, tutti”: mail noniotutti@gmail.com, WhatsApp 370 3116227, pagina Facebook Non io tutti – Ranalli 2019.

Ufficio Stampa  Consenso Srl
comunicazione@consenso.srl

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento