lunedì 31 dicembre 2018

Protezione dal rischio idraulico e la laminazione della zona sud-est dell’abitato di Bagnacavallo

In corso di ultimazione il secondo lotto di lavori 


È in corso di ultimazione il secondo lotto di lavori per la protezione dal rischio idraulico e la laminazione della zona sud-est dell’abitato di Bagnacavallo, caratterizzata da una ridotta capacità di scolo delle acque meteoriche che comporta situazioni di criticità nel caso di precipitazioni intense.




Dopo il primo lotto, con il quale nei mesi scorsi era stata completata la laminazione dell’area urbana delle vie Redino e Bandiera, le nuove opere - progettate dal Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale - prevedono la laminazione dello scolo Redino all’interno del bacino individuato, allo scopo di migliorare l’assetto idraulico dell’intera area sud-est di Bagnacavallo.

L’area sarà destinata a parco pubblico: «le casse di laminazione funzionano infatti come struttura idraulica solo in caso di eventi meteorici eccezionali – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Simone Venieri – tipicamente una o due volte l’anno. Data la vicinanza all’area urbana e la costante esigenza di ogni centro abitato di ampliare le aree verdi attrezzate fruibili dalla cittadinanza, la destinazione a parco pubblico è senz’altro la soluzione ideale».

Per quanto riguarda le opere in corso, si è proceduto alla demolizione dell’argine che divideva l’area acquisita lo scorso anno dal Comune, collegata allo scolmatore di via Bandiera, dall’area di laminazione esistente a servizio dell’urbanizzazione denominata “Tiberio”, già di proprietà comunale. I terreni risultanti da tale demolizione sono stati usati principalmente per creare le scarpate su cui, con separato intervento, sarà realizzato l’Anfiteatro dello Sport all’interno del progetto Al.Ba.Co. in bici – il percorso del benessere, che prevede anche una piccola area per lo skateboarding e una struttura per la ginnastica a corpo libero.

Si sta procedendo infine a una generale livellazione dell’area per convogliare le acque nel modo più efficiente in caso di eventi meteorici significativi.

Eseguiti dalla ditta Consar di Ravenna, i lavori del secondo lotto sono in fase di ultimazione. L’importo è di circa 45mila euro.

L’ultimo lotto delle opere, previsto per la prossima estate, prevede la realizzazione dei manufatti di collegamento con lo scolo Redino per dare piena funzionalità idraulica all’area. L’importo previsto è di 150mila euro.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento