venerdì 25 gennaio 2019

Ricordare Francesco Silvagni a 20 anni dalla scomparsa

Già 20!!  Ci sono persone che rimangono nella memoria tanto che sembrano scomparse ieri l'altro

Domani, sabato 26 e domenica 27 gennaio Voltana ricorda Francesco Silvagni, a 20 anni dalla sua scomparsa, con le celebrazioni dal titolo “Un uomo, una vita, un maestro”.


Domani si comincia alle 9.45 nella sala comunale della Casa del popolo, in via Fiumazzo 651, con il convegno sulla figura e il lavoro di Silvagni. All’appuntamento sarà presente anche il sindaco di Lugo Davide Ranalli. Subito dopo verrà proiettato il video “Un uomo, una vita, un maestro”. Alle 11.45 ci si sposta a villa Ortolani con l’inaugurazione della mostra di Luigi Guardigli. Infine, alle 20.45, nella Casa del popolo ci sarà il concerto di Raffaello Bellavista e Stefania Cattani.

Doppio appuntamento Domenica 27 gennaio. Alle 11, nella chiesa parrocchiale di Voltana, sarà celebrata una Messa in memoria del maestro Francesco Silvagni, mentre alle 12.30 nella Casa del popolo ci sarà un incontro conviviale con pranzo e lettura di poesie dialettali, a cura di Donato Savorani. In quest’ultimo appuntamento la prenotazione è obbligatoria al numero 0545 72885.

Francesco Silvagni è un personaggio molto amato dai voltanesi. Dopo una carriera scolastica improntata ad una didattica innovativa (famoso il giornalino scolastico stampato dagli alunni delle classi quarta e quinta nella tipografia allestita presso la scuola elementare di Voltana), svolse per tre legislature (dal 1981 al 1995) il ruolo di delegato del sindaco a Voltana.

In tale ambito seppe rivolgersi a tutte le sensibilità politiche e sociali del territorio e, da quello che era un insieme di cittadini residenti in un’area particolarmente disagiata e lontana dal centro, seppe creare una comunità. Lo fece restituendo le radici, attraverso ricerche storiche che sfociarono in ben nove pubblicazioni, e utilizzando a piene mani l’arma della cultura. Fu un fiorire di mostre, convegni, trebbi poetici, spettacoli, gemellaggi, eventi sportivi, eccetera. Sua fu anche l’intuizione della “Settimana voltanese”, in occasione della festività del patrono, e dell’Almanacco di Voltana che quest’anno raggiunge il traguardo della 33esima edizione. 


Ma l’impegno congiunto dei vari attori che egli riuscì a mobilitare seppe anche attribuire alla comunità un ruolo: quello che lui amava definire “Voltana, capitale delle frazioni”, cioè il polo nord del territorio del comune di Lugo, in grado di dotarsi di strutture e di servizi che sarebbero poi stati di grande aiuto anche a tutte le frazioni limitrofe. Fu così che nacquero la mensa a domicilio per gli anziani, il centro sociale Ca’ vecchia, la residenza per anziani che ora porta il suo nome, solo per citare i risultati più evidenti.

Le iniziative sono organizzate dalla Consulta di Voltana Chiesanuova Ciribella e dal Comune di Lugo in collaborazione con il centro sociale Ca’ vecchia.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento