lunedì 18 febbraio 2019

Lòm a mêrz 2019

Riceviamo e pubblichiamo


Secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di febbraio e i primi tre di marzo, sul far della sera, i contadini accendevano grandi fuochi nei campi, per scongiurare la malasorte. Il significato era quello di ricacciare il freddo e il rigore dell’inverno, bruciando i rami secchi delle potature e invitando così la buona stagione con l’auspicio di rigogliosi raccolti.


Anche quest'anno alcune località lungo il fiume Lamone organizzano una serie di serate con l'accensione delle tradizionali "focarine", grigliate e buffet partecipati, per festeggiare e far rivivere insieme i riti della nostra terra.

Il calendario prevede: venerdì 1 marzo dalle ore 20 Villanova di Bagnacavallo e Santerno festeggeranno insieme sull'argine sinistro e destro del Lamone, presso il ponte della Pace, con una grande grigliata, annaffiata da un ottimo vin brulé e arricchita con dolci della tradizione locale (info Ass. Culturale Civiltà Erbe Palustri 0545.47122 – Comitato Promotore Santerno 328.2820989); sempre nella serata anche Traversara accenderà il falò nel piazzale dell'ex cinema con fuoco e pancetta messi a disposizione dall'organizzazione, mentre ciascuno potrà portare ciò che vuole da cucinare alle griglia (info 338.4965956);

sabato 2 marzo sarà la volta di Casaglia, con ritrovo alle ore 17 nella piazza principale e successivo trasferimento ai prati a fianco della SR302, l'accesione del fuoco e la festa presso il circolo ricreativo (prenotazione obbligatoria 2 giorni prima allo 055.8402810); a Cà Sgnurena (via Accarisi 242 a Pieve Cesato), è prevista l'accensione del falò alle 17 con visita guidata alla casa museo di Valeriano Tassinari e un grande buffet romagnolo con piadina, salsiccia e pancetta ai ferri (prenotazione obbligatoria 2 giorni prima al 328.0134687); sempre sabato sera, dalle ore 18, l'Orto Biologico Radisa di Santerno (via Santerno Ammonite-Angolo via Minguzzi) festeggerà con un grande bio buffet partecipato attorno al falò animato da balli e muscia popolare con le Femme Folk (info 338.3829583).

Per l'occasione, sabato 23 febbraio si riconferma l'appuntamento con La Corsa dal Fugarén: a spas da i capèn a l’êrzan de’ Lamon, camminata non competitiva a carattere ricreativo ludico motorio aperta a tutti, organizzata da G.S. Lamone Russi, in collaborazione con l'Associazione Culturale Civiltà delle Erbe Palustri. Il ritrovo e le iscrizioni sono previsti a partire dalle ore 14 presso l'etnoparco "Villanova delle Capanne".

Per informazioni: www.gslamone.blogspot.it ● 335.6933050

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento