giovedì 21 marzo 2019

Le giornate FAI di Primavera 2019

Al Canale dei Mulini


Anche il Gruppo FAI di Lugo in occasione delle giornate FAI di Primavera 2019 (23 e 24 marzo prossimi, negli orari 9,30-12,30 e 14,30-17,30), promuove una interessante iniziativa alla riscoperta del Canale dei Mulini e dei suoi punti più significativi.





Faranno da guida dei "Ciceroni" speciali, i ragazzi del Liceo e del Polo tecnico Professionale di Lugo, appositamente preparati per spiegare la storia ed il valore naturalistico odierno del canale. Si partirà con un percorso a piedi o in bicicletta, accompagnati dagli amici del Nordic Walking, dal Parco del Loto di Lugo (aula didattica), e si arriverà lungo il percorso da essi certificato, costeggiando il Canale dei Mulini, fino al Ponte delle Lavandaie e quindi al parco Golfera e ritorno.

Altri volontari del FAI e i giovani apprendisti ciceroni vi aspetteranno poi, in queste due giornate, sempre negli stessi orari, a due chilometri da Castel Bolognese per guidarvi alla scoperta di un luogo speciale del canale: il Mulino Scodellino. Mulino storico di origine medioevale, conservato nella sua struttura originale e nelle attrezzature tecniche e di nuovo reso perfettamente funzionante dai volontari della associazione Amici del Mulino Scodellino. 

Ed infine potrete raggiungere il punto da cui origina il Canale dei Mulini: la Diga Steccaia Leonardesca (uno sbarramento sul fiume Senio in località Tebano di Faenza). 

Qui di nuovo i ragazzi, aiutati dai Volontari del FAI e dagli "Amici del Senio", vi guideranno, in un ambiente suggestivo, arricchito dalle fioriture primaverili, alla scoperta di questo manufatto risalente al medioevo (fine 1300), più volte ristrutturato, ma oggi ricostruito con le tecniche originali, con massi, pali e fascine di legna (tecniche allora in uso, che vengono riportate in un testo di Leonardo da Vinci).

 Per tale ragione la diga viene chiamata "Steccaia Leonardesca". 

Percorso solo parzialmente accessibile a diversamente abili; ingressi ad offerta, (consigliati 3 euro per ognuna delle due parti e 5 euro per gli accessi a tutti i punti del percorso).

Bardelli Efrem
Capo Gruppo FAI Lugo.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento