mercoledì 3 aprile 2019

Il Vangelo secondo Lorenzo

di Armanda Capucci 


La rappresentazione al Teatro Rossini di Lugo è stata a dir poco, superlativa: “Il Vangelo secondo Lorenzo” di Leo Muscato e Laura Perini ha ipnotizzato il pubblico.






In un teatro affollatissimo, era stato ritagliato, per la seconda volta, nel corso di pochi mesi, uno spazio anche per non vedenti ed ipovedenti, cioè per chi sa ascoltare, ma non vede chi recita. 

Infatti, l’Associazione Amici del Teatro Rossini, quest’anno ha organizzato, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo nonché di Credit Agricole, l’audiodescrizione di due spettacoli di prosa, esattamente “Le sorelle Materassi” (sabato 12 gennaio) e “Il Vangelo secondo Matteo” appunto per sabato sera 30 marzo. 

I disabili hanno approfittato di questa straordinaria possibilità ed ambedue le iniziative di alto valore sociale hanno avuto successo. 

L’audiodescrizione è stata fornita dal Centro Diego Fabbri di Forlì. 

Dotati di cuffie, dalle quali si poteva ascoltare chi illustrava l’entrata dei personaggi ed i loro i movimenti, la recita è apparsa fin dalle prime battute, momento per momento, attraente, cruda e commovente insieme. 

Lo spettacolo ripercorre la storia di Don Lorenzo Milani, la sua vicenda umana, sociale e spirituale, seguendo le due fasi della sua breve vita corrispondenti alle parrocchie nelle quali iniziò e concluse il suo apostolato: a Calenzano come Cappellano ed a Barbiana come Priore. 

I due atti sono trascorsi in un baleno ed hanno arricchito la mente di chi non conosceva la vita di quel sacerdote innovatore singolare, don Lorenzo Milani interpretato dal bravissimo Alex Cedron, ma anche di chi lo aveva conosciuto ed approvato. 

Al termine della serata tutti i disabili hanno espresso la loro soddisfazione e bisogna veramente essere grati a chi ha voluto realizzare questa lodevole iniziativa.

Armanda Capucci

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento