martedì 16 aprile 2019

La poesia del martedì

La voja 

L’èra bëla, a l’ò vesta, e l’éra biònda
ajir a Lug, zirènd par e’ marchê,
l’èra a lè dnnz, apugêda a la spónda
int la bãnca dl’urtlãn sóra a la strê.

E absn a cvesta, bëla, fresca e tónda,
un’êtra rosa, e a dì la varitê
a-n sò s’l’è mej la prèma o se la sgònda,
e par la voja a vég a là a guardê.

Parò mi moj, ch’l’è a lè, che la-m cuntrola,
la-m dis: “A-l sò che la biònda la-t piés,
e nnc la rosa la-t fa una grãn voja.

Parò t’al sé ch’l’è mej che t’an la toja,
sinò cl’udór adös ta l’é pr’ un més,
che rosa o biònda pu, l’è sèmpar zola!

La voglia
 
Era bella, l‘ho vista, ed era bionda, / ieri a Lugo, girando per il mercato, / era lì davanti, appoggiata alla sponda / nel banco dell’ortolano vicino alla strada. // E vicino a questa, bella, fresca e rotonda, / un ’altra rossa, e a dire la verità / non so se è meglio la prima o se la seconda, / e per la voglia vado là a guardare. // Però mia moglie, che è lì che mi controlla, / mi dice:“Lo so che la bionda ti piace, / e anche la rossa ti fa una gran voglia. // Però lo sai che è meglio che tu non la prenda, / sennò quell’odore addosso ce l’hai per un mese, / che rossa o bionda poi, è sempre cipolla!

Franco Ponseggi - Bagnacavallo

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento